28 novembre 2018 - Ravenna, Cultura, Eventi

Chi salvò la basilica di S.Apollinare in Classe nel '44?

Un enigma storico. Incontro con Guido Ceroni alla Domus dei Tappeti di Pietra

 

Mercoledì 28 novembre, alle 18, nuovo incontro de I MalfAttori presso la Domus dei Tappeti di Pietra.

L’appuntamento, condotto da Guido Ceroni, sarà incentrato su un tema storico forse poco rilevante da un punto di vista militare, ma di grande rilevanza per la città di Ravenna: Chi salvò davvero la Basilica di Sant’Apollinare in Classe nel ‘44?

 

"Le guerre sono uno scempio, si sa, prima di tutto per uomini, donne e bambini innocenti, ma a farne le spese sono purtroppo anche tesori d’arte che dovrebbero essere patrimonio di tutti.

Nel ’44, anche la Basilica di Sant’Apollinare in Classe rischiò di essere abbattuta da un bombardamento alleato per distruggerne il campanile, usato dai tedeschi come torre d’avvistamento.

Per fortuna, esisterono in questa occasione uomini e donne capaci di comprendere il valore inestimabile di questo patrimonio e che si attivarono per salvarlo", si legge nella presentazione dell'incontro.

 

"Ma chi possiamo ringraziare per l’eroico salvataggio della splendida Basilica paleocristiana? E’ una domanda aperta da decenni, che si innestò ad un certo punto con le dispute tipiche della “guerra fredda”, restando ancora oggi piena di misteri. I protagonisti della vicenda furono diversi: a chi il merito? All’eclettico Vladimir Peniakoff (detto Popski), intrepido comandante delle PPA, che riuscì a ritardare i bombardamenti alleati, ai partigiani del Distaccamento “Garavini”, a Guerrino Ravaioli, patriota repubblicano che rivendicò di essere entrato nella Basilica nottetempo, scoprendo che l’osservatorio tedesco era stato trasferito, al Colonnello Maffino Maffi con un astuto stratagemma?

Un enigma storico che ancora oggi intriga e affascina".

 

I prossimi appuntamenti in programma:

mercoledì 5 dicembre

Poeti e scrittori per Ravenna, con immagini e musica a cura di Anna De Lutiis e Paola Rossi;

mercoledì 12 dicembre

Le donne d’oro di Ravenna a cura di Silvia Togni.

Ingresso libero.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018