10 dicembre 2018 - Ravenna, Sanità

Sanità: dal 1 gennaio via il superticket su farmaci, esami e visite per oltre 180mila ravennati

Il provvedimento varato dalla Regione riguarda tutti i redditi familiari inferiori a 100mila euro annui

Dal 1 gennaio 2019 svolta nella sanità emiliano-romagnola. La Regione ha infatti abolito il superticket su farmaci, esami e visite, per tutti i redditi familiari fino a 100mila euro annui. Sarà inoltre eliminato anche il ticket base da 23 euro sulle prime visite per le famiglie con almeno due figli a carico.

I dettagli

Saranno oltre 180mila i cittadini della Provincia di Ravenna, oltre un milione e 200mila in tutta la regione, a non pagare più il ticket aggiuntivo fino a 4 euro per ogni confezione di medicine e fino a 10 euro a ricetta per le prestazioni specialistiche. Questi vanno ad aggiungersi a tutti coloro, più di un milione e 900mila, che già erano esenti a causa del reddito familiare basso, fino a 36.152 euro, per un totale di oltre 3 milioni di cittadini che saranno esentati dal pagamento.

Il provvedimento, che permetterà un risparmio di 34 milioni agli emiliano-romagnoli, è interamente coperto dal bilancio regionale. Per rientrare in questa misura bisogna essere residenti in Emilia-Romagna, oppure domiciliati sul territorio ma essere seguiti da un medico di base della regione.

Il commento

“Una misura di equità, un’operazione giusta e virtuosa - afferma il presidente Bonaccini -, di cui siamo orgogliosi, anche perché è l’unica di questo tipo e di questa portata fatta da una Regione, peraltro coperta da risorse interamente del nostro bilancio, senza oneri a carico dello Stato. Riduciamo i costi per l’acquisto di farmaci e l’accesso a prestazioni sanitarie inutili o inappropriate, senza scalfire minimamente l’alta qualità del nostro servizio sanitario, facendo risparmiare cittadini e famiglie. Tutto ciò è possibile grazie alla gestione estremamente rigorosa e oculata del bilancio, passata attraverso la razionalizzazione della spesa”.

“Razionalizzazione ed efficienza che non significano tagli – puntualizza poi il presidente della Regione –; al contrario, lo ripeto, conti in ordine, con 445 milioni di euro risparmiati nell’ultimo triennio grazie alla centrale unica per gli acquisti nella pubblica amministrazione, di cui oltre 370 proprio nella sanità. Risorse, queste- sottolinea il presidente- subito reinvestite nell’edilizia sanitaria, per rinnovare gli spazi e costruirne di nuovi, nell’assunzione di personale a tempo indeterminato e nella stabilizzazione di chi c’è già, e ora anche per finanziare questa manovra. Siamo una Regione virtuosa, il che ci consente di guardare ai bisogni, anche economici, dei nostri cittadini e di trovare per quei bisogni risposte innovative e concrete”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018