12 dicembre 2018 - Ravenna, Cronaca

Ragazzini assuntori di droga fin dalle medie, ecco cosa sta succedendo a Ravenna

Un’indagine di Cuore e Territorio con i consigli per la prevenzione

Come si diffonde la droga nelle scuole?

Vi siete mai posti il problema di  come i ragazzi dai 12 ai 13 anni vengono a contatto la prima volta con la droga? 

L’associazione Cuore e Territorio studia da tempo il fenomeno.

“Nella città di Ravenna si stanno costituendo gruppi di ragazzi che utilizzando il social WhatsApp aggregano centinaia e centinaia  di adolescenti, tutti  attratti dal mito delle feste da ballo - spiega l’Associazione -. Il gruppo uniforma ed elimina, quasi sempre, il volere del singolo e lo deresponsabilizza. Sono  quasi sempre organizzate  scientemente  in luoghi che tranquillizzano i genitori (oratori, sale per feste di  compleanno) e gli organizzatori, di  frequente, utilizzano  il nome di associazioni note per la loro serietà e capacità di controllo.

In altre parole, vi troverete di fronte a discoteche abusive, con tanto di ‘biglietto’ che varia dai 5 euro per le liste, ai 10 se ti presenti lì senza preavviso.

Oltre alla musica,  i nostri figli   incontrano ragazzi in cerca di emozioni che possono spaziare dal ‘palpeggio’  all'offerta  di  marijuana. 

L'emulazione tra i ragazzi fa il resto.

Il consiglio?

Cari genitori - spiega Cuore e Territorio - vietate ai vostri figli di entrare in questo circuito o almeno fate questo tipo di controllo:               

a) fatevi presentare gli adulti di riferimento (scoprirete che non sono presenti - il loro nome verrà utilizzato solo per poter affittare le sale);   

b) chiedete di poter rimanere nella sala (se vi dicono che è mancanza di fiducia  prendete la figlia/o e tornatevene a casa);                               

c) non abbiate fretta, mettetevi pazientemente all'esterno della sala e attendete 30 minuti. Potreste vedere, nel branco che esce a fumare gli spinelli, vostro figlio.                                 

 

RICORDATE che  chi organizza lo fa per soldi,  ma non ha né la capacità imprenditoriale, né la possibilità di gestire le eventuali criticità che sicuramente  sorgeranno quando si inseriranno nella festa   ‘branchi’ di ‘predatori’ organizzati ed in cerca di emozioni da ‘palpeggio’ furtivo o alla ricerca di   futuri clienti dello sballo ‘stupefacente’ a cui offrire, le prime volte, gratuitamente una canna.

Ricordate che controllare il cellulare di vostro figlio è un dovere non un sopruso!”.

Tag: droga

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018