18 dicembre 2018 - Ravenna, Cronaca, Cultura

Il bilancio delle entrate del MAR realizzato da Ancisi

Dal 2015 al 2018 e quelle previste per il 2019

Il bilancio realizzato da Ancisi 

Riportiamo di seguito un'analisi dei dati realizzata da Alvaro Ancisi (capogruppo di Lista per Ravenna). 

L'analisi riguarda gli incassi effettuati dal MAR, Museo d'Arte di Ravenna, dal 2015 al 2018 e quelli previsti per il 2019. 

Il prospetto comprende inoltre la copertura delle spese che tale incasso ha permesso annualmente. 

Da tale bilancio si può notare come le entrate del museo abbiano subito un crollo non da poco. 

La premessa di Ancisi 

“Quando, inaugurando il 1° dicembre scorso il museo archeologico Classis, il sindaco De Pascale ha annunciato che siamo entrati nella serie A dei musei, aveva certamente associato nella sua impresa il Museo d’Arte di Ravenna, comunale anch’esso, alle cui fortune, arrivando a Palazzo Merlato con l’assessore alla Cultura Signorino, ha infatti imposto una radicale riforma.

Più che l’autocelebrazione saranno i dati dei visitatori paganti, che ci auguriamo travolgente, a stabilire, anche per la tenuta del bilancio societario, se il Classis è da serie A.

Invece per il MAR i numeri già ci sono, per quanto sotto traccia, e li fornisco in anteprima.

Circa le masse degli ‘spettatori’ paganti - che nei tornei nazionali classificano le preminenze - osserviamo dunque il prospetto seguente, che ho confezionato su dati ricavati dai bilanci ufficiali del Comune, da ultimo il conto assestato di fine 2018 e il bilancio di previsione 2019”.

Il prospetto 

MUSEO D’ARTE DELLA CITTA' (MAR)

Confronto dei bilanci tra il 2015 e il 2019

(in euro, esclusi i centesimi)

 

​ANNO                           ENTRATE TARIFFARIE               COPERTURA DELLE SPESE (*)

 

2015                             300.180                                   44,96 %

2016                             239.916                                   45,75%

2017                             83.731                                     19,74%

2018 (**)                       120.000                                   non ancora definita

2019 (***)                      95.000                                     8,12%

 

(*) calcolando le entrate dalle tariffe e dalle sponsorizzazioni

(**) dal conto assestato di fine anno del Comune di Ravenna

(***) dal bilancio di previsione del Comune di Ravenna

 

Il commento di Ancisi 

"Negli anni 2015 e 2016, gli ultimi della gestione Spadoni, il MAR ha quindi ricavato dai suoi visitatori rispettivamente 300.180 e 239.916 euro, che hanno coperto il 44,96% e il 45,75% di tutte le spese pagate dal Comune, percentuale altissima nel campo delle attività culturali. Sono stati gli anni delle “grandi mostre” denominate “Il Bel Paese. L’Italia dal Risorgimento alla Grande Guerra, dai Macchiaioli ai Futuristi” (2015) e “La seduzione dell’antico. Da Picasso a Duchamp, da De Chirico a Pistoletto” (prima metà del 2016, dopodiché Spadoni è stato “licenziato”.

Negli anni 2017 e 2018, primi anni della gestione De Pascale/Signorino, gli incassi sono stati rispettivamente di 83.731 e 120.000 euro, che hanno coperto nel 2017 il 19,74% della spesa e nel 2018 una percentuale certamente magrissima, ma ancora da definire. Si sono avute in questi anni le “grandi mostre” intitolate a “Montezuma, Fontana, Mirko. La scultura in mosaico dalle origini a oggi” (2017) e “? War is over. Arte e conflitti tra mito e contemporaneità”. Abbiamo anche la previsione ufficiale per il 2019, secondo cui le entrate tariffarie saranno di 95.000 euro, coprendo l’8,12% delle spese.

Ciò significa che nella gestione Spadoni i visitatori paganti, più o meno il triplo della nuova era, “rimborsavano”, in nome della Cultura e dell’economia turistica di alta qualità, quasi la metà del soldi pagati dai cittadini, a fronte oggi del 10/20 per cento sì e no.

Nella serie A professionistica, il MAR ce l’aveva dunque portato Spadoni. De Pascale/Signorino l’hanno riportato tra i dilettanti".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018