5 gennaio 2019 - Ravenna, Politica

Natale a Ravenna, “Il video mapping è costato ai cittadini 153mila euro”

La nota di Alvaro Ancisi (LpRa)

“Ieri stesso, mentre l’assessore al turismo cantava che ‘dopo tre anni cominciamo a raccogliere i frutti di una nuova proposta turistica’ e il sindaco gli echeggiava trionfante che ‘in tre anni abbiamo rivoluzionato le festività natalizie’, alle nove di sera nel centro urbano non c’era un cane, così come la vigilia di capodanno”.

Esordisce così in una nota stampa Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna, che mentre le feste volgono al termine fa i conti delle spese comunali per le attrazioni natalizie. “Sarebbero state dunque tre le giornate di nuova gloria turistica (salvo verifica coi dati alla mano) della quarta città d’arte italiana, nell’arco del fallimentare (per dati ben noti) 2018. Basta credere che ‘le tre carte vincenti’ premiate dall’assessore medesimo, alias le ‘nuove tipologie di eventi’ diplomate dal sindaco, sono state ‘musica, arte e videomapping’. In verità, a Ravenna il grande concerto di capodanno (bello quest’anno), con altra musica di vario genere, c’è sempre stato, come in quasi tutte le città italiane; e l’arte (quella vera, che interessa i turisti) c’è da quasi due millenni. Solo il video-mapping si fa appena da otto anni. Sta di fatto, però, che la gente, accorsa in massa, si è molto divertita, anche perché non pagava niente da nessuna parte. Ingeneroso dirle al momento quanto le costava.

A festa finita, qualcuno dovrà però pur dirlo, come si fa in ogni casa. Dovrebbe essere il pater familias. In assenza, tocca al membro anziano prendere calcolatrice e mouse”.

 

CARISSIMO VIDEO MAPPING

 

“Parliamo dei video-mapping – continua Ancisi - la vera specialità natalizia ravennate, anche se ormai niente affatto esclusiva. La parte del leone l’ha fatta la basilica di San Vitale. Ultimo monumento Unesco patrimonio mondiale dell’Umanità rischiarato da Ravenna in Luce, è costata in proprio alla cittadinanza euro 35.380 euro ‘per la gestione artistica e tecnica delle proiezioni’, 45.018 ‘per attrezzature e servizi’ e 9.394 per ‘installazione degli impianti elettrici’. In cifra tonda, fanno 90.000 euro, ulteriormente arrotondabili in almeno 100.000, dato che la campagna pubblicitaria di tutti gli eventi natalizi è stata fatturata per 26.317 euro”, chiosa Ancisi.

“Un giornalista un po’ critico ha esultato pensando che, finiti i monumenti Unesco, anche il video-mapping passerà in gloria. Mai dire mai con questo governo cittadino, avvinghiato com’è ai suoi cari. Già quest’anno – prosegue - si è trovato modo di sottoporre a proiezioni video la facciata del MAR (così qualcuno si accorge che c’è una mostra) e la piazzetta Unità d’Italia (così qualcun altro si accorge che c’è), al prezzo di 39.944 euro. L’ottavo video-mapping natalizio ravennate è dunque costato ai cittadini 152.952 euro in contanti, trascurando, tutt’altro che lievi, i costi del personale e quelli generali dell’amministrazione comunale impiegati nella macchina organizzativa”.

Ancisi fa poi il confronto con “i costi cash di tutto il resto del programma natalizio indetto dal Comune, che, estraendoli da sette atti amministrativi variamente intrecciati, quantifico in 140.694  euro, di cui 90.000 per il progetto Christmas Soul, in collaborazione con Ravenna Manifestazioni, che comprendeva, sempre gratis, il concerto notturno della cantante gospel Cheryl Porter il 31 dicembre in piazza del Popolo e la matiné del 1° gennaio al Teatro Alighieri, nonché due concerti di tardo pomeriggio in piazza del Popolo e la manifestazione ‘Parole Note’ di Radio Capital il 30 dicembre al Teatro Alighieri. Il resto è andato nella campagna pubblicitaria per 26.317 euro, come già detto, e in spese tecniche di vario genere per 24.377. Il confronto col rapporto costi/benefici è dunque chiaramente impietoso per il video-mapping, il quale merita dunque un’ulteriore riflessione politico/contabile”.

 

DOVE FINISCE LA TASSA DI SOGGIORNO

 

“Non si è mai sentito un solo albergatore ravennate dire che un suo cliente sia mai venuto a Ravenna per il video-mapping - riprende il capogruppo -, anche se, una volta arrivato per vedere qualcosa di più solido, può darsi che ne sia stato folgorato. Siccome le spese natalizie sono pagate dal servizio Turismo coi soldi della tassa di soggiorno, il problema va perciò osservato dalla parte del bilancio municipale. Dei due milioni d’incasso previsti nel bilancio 2018, 432.000 euro sono stati destinati all’ “ORGANIZZAZIONE, REALIZZAZIONE E COMPARTECIPAZIONE A MANIFESTAZIONI DI INTRATTENIMENTO E ALTRE INIZIATIVE DI ANIMAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA (Ravenna Bella di Sera/Mosaico di Notte, Notte d'Oro, Notte del Liscio, Notte Rosa, Beaches Brew, Spiagge Soul, Moondogs, eventi Natale e Capodanno, etc”) e 84.00 euro alle “ATTIVITA' DI POTENZIAMENTO DELL'INFORMAZIONE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO”: in tutto € 526.000, da cui il video-mapping natalizio ha dunque sottratto quasi il 30%.

 

LA DICHIARAZIONE DELL'ASSESSORE COSTANTINI

 

L’assessore al Turismo, Giacomo Costantini, dalle colonne del Corriere di Romagna, quest’oggi, ha spiegato come le iniziative natalizie siano andate bene, con un grande afflusso di visitatori e come il trend sia positivo da tre anni, e cioè dalla prima proposta di video mapping. Ha sottolineato poi, come ciò che Ancisi chiama “spesa” vada invece inteso come “investimento”.

Nel 2017 (i dati 2018 non sono ancora disponibili), il programma natalizio, nel periodo del mapping – come spiegato dall’assessore - avrebbe portato 6500 nuovi turisti rispetto al 2016, che secondo una stima di Costantini avrebbero speso complessivamente 780mila euro (supponendo che ogni turista abbia speso in media 120 euro). Per le festività 2018 l’assessore prevede che i dati mostreranno un ulteriore incremento nell’afflusso.

Considerando che il programma festivo 2018 è costato circa 300mila euro, - supponendo di bissare i dati del 2017-, dando per acquisito lo storico dei turisti degli ultimi anni, portare 6000 nuovi turisti potrebbe essere costato alla collettività circa il 38% del ricavo degli operatori commerciali (hotel, ristoranti, negozi). Speriamo che l’ente sostenga con tanta attenzione tutte le categorie sociali cittadine.

 

Sull'argomento leggi anche: Natale 2018, "San Vitale e zona del silenzio la nuova Ibiza ravennate"

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018