3 agosto 2010 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Sanità

Un ambulatorio per i malati di Sla

Attivo nei presidi di Faenza e Ravenna dall'inizio dell'anno

 

Il suo nome equivale a una condanna senza appello. Sla (Sclerosi laterale amiotrofica) è un termine che evoca le paure più profonde, solleva riflessioni che non sono solo mediche, ma anche etiche.
Oggi la malattia – di cui si conosce il terribile effetto, una progressiva paralisi di tutti i muscoli del corpo fino all’impossibilità di compiere le attività comuni della vita quotidiana e quelle vitali come respirare e mangiare – non è curabile, non se conoscono nemmeno le cause anche se si ipotizza che ci sia una relazione tra fattori genetici e ambientale.
In provincia di Ravenna oggi ci sono circa 20 persone che soffrono di Sclerosi laterale amiotrofica. Per assisterle in zona, senza costringerle a viaggi anche lunghi per affrontare esami clinici e visite è nato il Centro di riferimento per le malattie neurologiche rare all’interno dell’ospedale di Faenza, attivo nei presidi di Faenza e Ravenna.
Dal gennaio di quest’anno è stato strutturato un ambulatorio dedicato, che ha nel neurologo lo specialista di riferimento (si tratta del dottor Mario Casmiro), ma coinvolge anche i professionisti della pneumologia (per l’assistenza respiratoria), della nutrizione (per il nutrimento artificiale), dell’assistenza, anche domiciliare.
“Il nostro obiettivo – ha commentato Andrea Rossi, direttore dell’Ausl di Ravenna – è di lavorare perché i malati possano avere la migliore qualità della vita possibile”.
Fabrizio Rasi, direttore dell’Uo di Neurologia dell’Ausl di Ravenna, ha ricordato come la Sla abbia avuto una forte presenza mediatica a causa del fatto che una buona fetta di malati sono professionisti del calcio. Da tifoso del Cesena ha voluto ricordare il libro scritto dall’ex portiere bianco-nero, e medico, Boranga sui suoi colleghi morti di Sla. “Non voglio dire di più perché c’è un’indagine nazionale in corso, ma gli orizzonti di ricerca si stanno ampliando”.
(v.r.)

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.