7 gennaio 2019 - Ravenna, Sport

La Consar non sfigura ma cede 3-0 a Modena

Ravenna combatte nei primi due set, poi cala nel terzo

Termina con una sconfitta per 3-0 la trasferta di Modena per la Consar Ravenna, che disputa una discreta prova ma non riesce a sovvertire il pronostico in una delle classiche del volley italiano. L’Azimut recupera all’ultimo l’acciaccato Zaytsev, oltre che Mazzone, e, nonostante nella rifinitura perda Holt, strappa i primi due combattuti set, per poi dettare legge nel terzo.

Il Porto RoburCosta dal canto suo deve fare a meno di Rychlicki, impegnato con la propria nazionale, ma trova un’ottima prestazione dell’ex della partita Argenta (15 punti), che fa ben sperare per il futuro. Gli ospiti rimontano da 16-11 a 24 pari nel primo set, ma cedono ai vantaggi, poi calano nella volata del secondo e non riescono più a riprendersi.

La partita

I padroni di casa fanno subito capire le loro intenzioni e si portano 3-1, doppiando poi Ravenna sul 10-5. L’Azimut allunga ancora sul 13-6, un ace di Poglajen suona la carica della Consar, che torna a -3 sul 13-10. Modena prova nuovamente a fuggire sul 16-11, ma due punti di Raffaelli e un muro di Russo regalano agli ospiti il -2 sul 16-14. Il finale di set è al cardiopalma, Verhees aggancia la parità a quota 24, ma il fotofinish premia i padroni di casa, che vincono il primo set per 26-24.

Il secondo parziale è equilibrato fin dall’inizio e la Consar riesce sempre a rimanere a contatto, con Raffaelli e Argenta a firmare il 9 pari. Le squadre ribattono punto su punto fino al 16-16, ma Modena, grazie a Zaytsev e Bednorz, è più efficace nella parte finale del set, conquistando la frazione per 25-21.

L’avvio del terzo set è ancora una volta all’insegna dell’equilibrio e Ravenna si porta anche a +3 sul 5-8 con due muri di Verhees e Poglajen e un ace di Russo, ma i padroni di casa cambiano marcia dal 9-11, piazzando un 7-0 di parziale che vale la partita. Due bombe al servizio di Bednorz valgono il 21-13 e Modena puù facilmente portare a casa il set per 25-17 e il match per 3-0.

La sala stampa

“Siamo stati bravi nei primi due set poi loro sono cresciuti tanto – analizza Coach Gianluca Graziosi - e nel terzo set è stato difficile tenere il loro passo. Contro questo tipo di avversari continuiamo a giocare bene ma non portiamo a casa nulla, però avevo chiesto ai ragazzi la prestazione e questa c’è stata. Di questa partita mi tengo il bel gioco sapendo che le partite da vincere sono altre. Argenta? Ha fatto molto bene, era partito con un po’ di emozione poi è andato alla grande, speriamo sia il nostro valore aggiunto in questo finale di campionato”.

Il tabellino

Azimut Leo Shoes Modena – Consar Ravenna 3-0 (26-24, 25-21, 25-17)

Modena: Christenson 3, Zaytsev 13, Anzani 6, Mazzone 4, Urnaut 13, Bednorz 17, Rossini (lib.), Pinali, Keemink. Ne: Benvenuti, Pierotti, Van der Ent, Truocchio, Kaliberda. All.: Velasco.

Ravenna: Saitta, Argenta 15, Verhees 5, Russo 9, Raffaelli 5, Poglajen 8, Goi (lib.), Di Tommaso, Smidl, Lavia 1. Ne: Elia, Marchini. All.: Graziosi.

Arbitri: Cappello di Siracusa, Cerra di Bologna.

Note: Durata set: 30’, 28’, 25’ tot. 83’. Modena (4 bv, 11 bs, 13 muri, 8 errori), Ravenna (3 bv, 13 bs, 5 muri, 7 errori), Spettatori: 4780 per un incasso di 52.621 euro. MVP: Bednorz.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.