12 gennaio 2019 - Ravenna, Cronaca

“No all’insicurezza sulle strade”: il 14 gennaio sciopero di 24 ore

Proclamato da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti

14 gennaio sciopero di 24 ore

Le segreterie nazionali di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno proclamato uno sciopero nazionale di categoria per il giorno 14 gennaio, per la durata di 24 ore.

L’intesa del Consiglio dei ministri dei Trasporti dell’Unione Europea sul Mobility Package sarà sottoposta al voto del parlamento europeo.

Fermare ogni modifica per non peggiorare la situazione

I sindacati di categoria sottolineano che si deve fermare ogni modifica del Regolamento 561/06, perché i conducenti di mezzi pesanti corrono il rischio di veder peggiorare le proprie condizioni di vita e di lavoro.

Una distribuzione squilibrata dei tempi di guida e riposo

La modifica del Regolamento prevede, infatti, la possibilità di distribuire in modo squilibrato i tempi di guida e riposo, con la concentrazione del riposo lungo la quarta settimana del mese.

Ciò determinerebbe un pericoloso allungamento dei tempi di lavoro nelle prime tre settimane.

Una distribuzione squilibrata dei tempi di guida e riposo significa impattare in modo diretto sulle condizioni di lavoro: più fatica, meno concentrazione, più difficoltà di recupero.

“Autisti sempre più stanchi, anche dopo 12 ore di lavoro, dovranno accorciare i tempi di riposo”

Nella nostra provincia - dice Yuri Guidi, responsabile per la Filt Cgil Ravenna del comparto dei trasporti - già di per sé problematica, queste modifiche porterebbero a situazioni pericolose.

Ad esempio nell’area portuale le operazioni di sbarco (frutto di esigenze produttive di banchina) diventerebbero ordinarie con gravi conseguenze sulla sicurezza stradale, in quanto autisti sempre più stanchi sarebbero costretti, anche dopo 12 ore di lavoro in magazzini privati, ad accorciare il riposo poche ore prima di ricominciare il normale ciclo in strada”.

“A rischio l’incolumità delle persone che sono per strada”

“Una simile modifica – continua Guidi - metterebbe a rischio l’incolumità degli autotrasportatori e quella delle persone che sono per strada.

Chiedo allora al nostro governo e alle forze politiche se è questa la tanto sbandierata sicurezza sulle strade, dopo i recenti e tragici fatti di Bologna.

Se andranno in Europa a firmare questo decreto, entreranno in contraddizione con tutti gli slogan sulla sicurezza che negli ultimi mesi abbiamo visto scorrere sulla stampa e in televisione”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.