14 gennaio 2019 - Ravenna, Cronaca

"Nuove Ztl e altre limitazioni di traffico. Impedire maggiore caos"

L'ordine del giorno presentato alla presidenza del Consiglio comunale di Ravenna

L'ordine del giorno presentato alla presidenza del Consiglio comunale di Ravenna

I capigruppo consiliari Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna, Samantha Gardin di Lega Nord e Alberto Ancarani di Forza Italia hanno presentato alla presidenza del Consiglio comunale di Ravenna, per iniziativa di Ancisi, il seguente ordine del giorno, che sarà votato in una seduta del Consiglio stesso di questo mese, in congiunzione con la definitiva approvazione del PUMS, Piano Urbano della Mobilità Sostenibile.

Ordine del giorno del Consiglio comunale 

"Nuove Ztl e altre limitazioni di traffico. Impedire maggiore caos.

Relatore il consigliere Alvaro Ancisi. 

Entro questo mese di gennaio, il Consiglio comunale è chiamato ad approvare il PUMS, Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, che imporrà notevoli ulteriori restrizioni alla circolazione dei veicoli nelle aree urbane. In particolare, stante il Piano Aria regionale, entro il 2020 dovranno essere ampiamente sviluppate nel centro storico della città le Zone a Traffico Limitato (ZTL), con la possibilità di estenderne gli stessi limiti di traffico a nuove Zone a Particolare Rilevanza Urbanistica (ZPRU) esterne al centro storico stesso.

Occorre considerare che tutti gli altri atti pomposi di pianificazione del Comune di Ravenna, su cui il PUMS s’incardina o si connette, hanno finora prodotto soltanto l’attuale caos strutturale della mobilità urbana, il cosiddetto e famigerato “traffico impossibile” che distingue il territorio ravennate da ogni altro confrontabile: così è per il Piano Generale del Traffico Urbano 2007, il Piano Sicurezza Stradale Urbana (PSSU), il Piano della Ciclabilità 2014, il Piano d'azione contro l’inquinamento acustico, il Piano per l’Accessibilità dei disabili - PAU (perdurando la trentennale assenza dei Piani per l’Eliminazione delle Barriere - PEBA), i piani vari del Trasporto Pubblico Locale, il Piano Strategico Comunale 2007 riguardo alle infrastrutture. 

Occorre perciò introdurre le dovute cautele affinché il PUMS, al di là delle giuste enunciazioni accademiche e degli obiettivi generici, non produca gli stessi effetti, o addirittura non aggravi l’ “in-sostenibilità” della mobilità urbana, con danni insopportabili all’economia e alla vivibilità sociale del territorio.  

Ciò premesso, in coerenza coi princìpi e le linee portanti del PUMS stesso,

il Consiglio comunale

rivolge al Sindaco,

anche quale presidente della Giunta comunale,

le seguenti vincolanti linee di indirizzo:

perseguire con gradualità la concreta attuazione di nuove ZTL e ZPRU affinché sia contemporanea o successiva all’adozione delle indispensabili misure di salvaguardia e facilitazione della loro accessibilità, attraverso:

  1. la realizzazione e/o il potenziamento dei parcheggi a loro servizio con tariffe opportunamente calmierate;
  2. l’introduzione di navetti pubblici gratuiti tra le periferie urbane e il centro stesso, ambientalmente sostenibili;
  3. l’attuazione di collegamenti diretti con piste ciclabili tra i punti strategici delle circonvallazioni ed il cuore stesso della città, senza interruzioni e in piena sicurezza;
  4. l’applicazione di un progetto di logistica urbana per la distribuzione delle merci, tuttora neppure abbozzato, che eviti, nelle strade riservate ai pedoni e ai ciclisti, il caos del traffico motorizzato di trasporto e di consegna dei prodotti".

 

Alvaro Ancisi, Lista per Ravenna

Samantha Gardin, Lega Nord

Alberto Ancarani, Forza Italia

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.