18 gennaio 2019 - Ravenna, Cultura, Eventi

Giorno della memoria, anche a Ravenna tanti eventi per ricordare la Shoah

Incontri, concerti, letture, spettacoli teatrali e film per il 74° anniversario della liberazione di Auschwitz

Ricorre il 27 gennaio il Giorno della Memoria, istituito nel 2000 per ricordare, in occasione dell’anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, la Shoah, la deportazione e lo sterminio nei campi di concentramento di milioni di persone.

Quest’anno ricorre il 74° anniversario della liberazione del campo in Polonia e, per il Giorno della Memoria, il Comune di Ravenna organizza incontri concerti, letture, spettacoli teatrali e film per commemorare e ricordare, perché la memoria sia lo strumento affinché simili eventi non possano mai più accadere.

Gli eventi

  • Dal 21 gennaio al 7 febbraio, l’assessorato al Decentramento, in collaborazione con l’Istituto storico della Resistenza di Ravenna, propone una serie di spettacoli teatrali rivolti alle classi terze delle scuole secondarie di primo grado: “Kaninken”, di Antonella Gullotta con Elio Ragno, drammaturgia e regia di Eugenio Sideri, produzione Lady Godiva Teatro, e “Anna Frank”, lettura scenica con Anita Guardigli – Associazione culturale Asja Lacis.
  • Giovedì 24 gennaio alle 20.30, presso Archivi del Novecento, in via di Roma, 167, sarà proiettato il filmato “La passeggera” di Andrzej Munk (Polonia, 1963), promosso da Istituto storico della Resistenza di Ravenna.
  • Venerdì 25 gennaio, alle ore 17, al Salone delle Feste di Palazzo Rasponi, Piazza Kennedy, 12, va in scena la conferenza del professor Dieter Pohl, docente di storia contemporanea all’Università di Klagenfurt, sul tema “Il regime nazista come sistema criminale”, promossa da Istituto storico della Resistenza di Ravenna in collaborazione con Istituzione Biblioteca Classense, Fondazione Casa di Oriani e Rete degli Istituti Romagnoli.
  • Domenica 27 gennaio, alle 11, nell’atrio stazione ferroviaria di Ravenna, ci sarà la cerimonia, alla presenza del Sindaco, Michele de Pascale, di celebrazione del Giorno della Memoria, con l’omaggio alla lapide in memoria degli ebrei transitati per la stazione di Ravenna con destinazione Auschwitz. Alle ore 16, al Museo d’Arte della Città, presso la Sala Martini di via di Roma 13, verrà presentato in anteprima il lavoro animato “Ènzul e parpài” (Angeli e farfalle), realizzato dai ragazzi del progetto “Lavori in Comune - SPiV toons” con la direzione di Claudio Tedaldi.
  • Lunedì 28 gennaio, alle 21 al Ridotto del Teatro Alighieri, in via Mariani 2, si svolgerà un concerto, organizzato da Emilia Romagna Concerti con il sostegno di Regione Emilia-Romagna, Mibac, Sapir e Ambasciata di Israele in Italia, e con la collaborazione di Dis-Ordine di Malta, in memoria delle vittime dell’Olocausto, con la Young Musicians European Orchestra, diretta da Matteo Parmeggiani, pianista Dario Zanconi, oboista Estelle Akta, violinista Matteo Cimatti.
  • Martedì 29 gennaio, alle ore 17, alla Sala Spadolini della Biblioteca “A. Oriani”, in via Corrado Ricci 26, verrà presentato il volume “Quindici mesi nei lager. Memorie di Pierina Zampar”, a cura di Marco Serena (ISREC Ravenna), promosso da Istituto storico della Resistenza di Ravenna.
  • Giovedì 31 gennaio alle 9.30, presso la Sala del Consiglio Comunale, in piazza del Popolo 1, la consulta delle ragazze e dei ragazzi parteciperà alla seduta dedicata al “Giorno della Memoria”.
  • Lunedì 4 febbraio alle 10 al Teatro Rasi, via di Roma 39, si svolgerà un incontro con la testimonianza del dottor Cesare Finzi, testimone della Shoah, con gli studenti delle scuole secondarie di primo grado, promosso da Istituto storico della Resistenza di Ravenna.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.