21 gennaio 2019 - Ravenna, Cronaca

"Il preside è gay" sui muri della scuola. Lui: "Non la cancello"

Le reazioni alla risposta di Gianluca Dradi

Un grande gesto simbolico quello di Gianluca Dradi, dirigente scolastico del liceo scientifico Oriani di Ravenna, che ha contrastato un comportamento da parte degli studenti dando loro un'immensa lezione di vita. 

Alcuni studenti avrebbero scritto sui muri della scuola le parole "Il preside è gay". 

La reazione di Dradi è davvero esemplare, ha deciso di non cancellare la scritta, ma di lasciarlo, scrivendo poi su Facebook: "Ciò che offende non è la falsa attribuzione di una condizione, ma il fatto che uno studente del mio liceo l'abbia pensata come un'offesa.

Non la farò cancellare: resti lì come pietra d'inciampo per l'intelligenza umana. #nonnellamiascuola". 

Riportiamo di seguito alcuni commenti riguardo a tale avvenimento. 

Omofobia, Maestri (Possibile): "Da preside Dradi lezione preziosa"

"Un bel segnale, una lezione preziosa. Il dirigente scolastico del liceo Alfredo Oriani di Ravenna, Gianluca Dradi, ha assunto un'ottima decisione, lasciando la scritta omofoba rivolta nei suoi confronti: una vera 'pietra d'inciampo' per la discriminazione, come l'ha definita lui stesso. Purtroppo l'omofobia tra molti giovani è diffusa in maniera quasi inconsapevole: gli autori di quella scritta considerano un insulto essere 'gay'. Ed è invece un insulto all'intelligenza sostenere questa posizione: è fondamentale che lo capiscano gli studenti. Di sicuro la risposta, mite e ferma allo stesso tempo, del preside produrrà una riflessione su chi si è macchiato di questo gesto omofobo". Lo dichiara Andrea Maestri, ex deputato ed esponente ravennate della segreteria di Possibile.

Il commento di Ciro di Maio, Presidente Arcigay Ravenna

"'Resti lì come una 'pietra d’inciampo' per l’intelligenza umana', quando imbrattare un muro passa attraverso un atto di bullismo questa è la reazione che può avere il destinatario del messaggio, anche in questi momenti bui in cui sembra che chiunque sia autorizzato ed autorizzata ad usare violenza di parole verso un'altra persona.

E così ha risposto Gianluca Dradi, Preside del liceo scientifico di Ravenna.

Un modo perfetto per mettere un punto ad un'offesa che un'offesa non dovrebbe essere.

Il gesto del Preside è molto importante e significativo in quanto si tratta non solo una lezione per chi ha deciso di vandalizzare un bene pubblico con quella scritta, ma perchè in questo modo si fa anche scudo umano e si mette dalla parte delle persone ferite dall'uso improprio ed offensivo della parola gay, della parola lesbica e di tutte le altre parole e declinazioni offensive che gli si può dare. Con questo gesto il Preside Dradi si fa scudo umano per tutte quelle giovani persone in fase di definizioni e comprensione della loro identità sessuale e di genere. Si fa scudo umano contro le discriminazioni di quei ragazzi e quelle ragazze di cui si sta occupando nel gestire il buon andamento dell'Istituto che dirige. Troviamo la modalità scelta dal Preside un eccellente esempio dal punto di vista dell'educazione in quanto l'educazione non si può fare solamente sui libri con la conoscenza astratta e teorica, ma anche con il buon esempio e con l'applicazione pratica dei principi di solidarietà e rispetto, alla base del funzionamento del sistema scuola. Arcigay, e tante altre associazioni, in tutta Italia fanno attività di formazione ed informazione nelle scuole  proprio per evitare casi di bullismo in generale ed in particolare casi di bullismo omotransfobico. Questa è un'attività fondamentale per le ragioni che hanno spinto il Preside Dradi a prendere quelle posizioni e a fare quelle dichiarazioni. Ci sono purtroppo forze tradizionaliste e bigotte che impediscono ad Arcigay, e agli altri soggetti, il contrasto al bullismo nelle scuole con l'idea della paranoia gender e questo porta ad un ritorno di forme di bullismo che rialzano la testa. Arcigay è a disposizione delle studentesse e degli studenti del liceo scientifico e degli altri istituti ravennati per un incontro pubblico per approfondire questa delicata ed importantissima tematica, per parlarne ed allontanare casi di questa portata dalla nostra quotidianità. Arcigay Ravenna, oltre alla gratitudine per non aver perso questa occasione di insegnamento, esprime solidarietà al Preside Dradi e si augura che altri ed altre Presidi mostrino vicinanza a questo Dirigente Scolastico illuminato".  

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.