29 gennaio 2019 - Ravenna, Economia & Lavoro

Stop trivellazioni: “Misura che penalizza fortemente l’economia del territorio”

Grande preoccupazione da parte di molte associazioni ravennati

Sta creando molta apprensione in molte associazioni ravennati l’approvazione dell’emendamento al decreto Semplificazioni definito ‘blocca trivelle’, con il quale il Governo ha definito la sospensione di 18 mesi dei permessi per ricerca e prospezione di idrocarburi, così come l’aumento dei canoni di concessione di 25 volte.

In una nota congiunta Agci, Cia, Confcommercio, Cna, Confagricoltura, Confartigianato, Confcooperative Ravenna - Rimini, Confindustria Romagna, Confimi, Copagri e Legacoop Romagna esprimono grande preoccupazione per “una misura che penalizza fortemente l’economia del territorio ravennate, oltre a quello regionale. In gioco c’è il lavoro e, quindi, il futuro di centinaia di persone e la sopravvivenza di un settore, quello delle estrazioni e dell’indotto di riferimento, che è un fiore all’occhiello del Paese, con progettisti, maestranze, tecnici riconosciuti di valore internazionale”.

Le associazioni approvano e sostengono l’invito del Sindaco, Michele De Pascale, rivolto al Governo, al Presidente del Consiglio e ai Ministri competenti, a venire a Ravenna per incontrare, sul tema, le istituzioni locali, le aziende, i lavoratori nonché le associazioni imprenditoriali.

Al Governo si chiede di ripensare a questa misura che, tra gli altri effetti negativi, avrebbe quello di mettere a rischio gli investimenti già programmati nel triennio 2019-2020 di Eni, 2 miliardi per l’estrazione del gas naturale, con ricadute non solo sul territorio ravennate ma più in generale su tutta l’economia italiana. “I dati mondiali sulla crescita non sono incoraggianti e per l’Italia si sta già profilando l’ipotesi di un periodo di recessione. Non è il momento di frenare le attività industriali che sono in grado di generare ricchezza e benessere”.

Tag: trivelle

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.