4 febbraio 2019 - Ravenna, Faenza, Cronaca

Dalla Regione fino a 3mila euro di ecobonus per l’acquisto di auto elettriche, ibride, a metano o Gpl

Confermati i contributi per le imprese, il rimborso del bollo sulle ibride e i bus gratis per gli abbonati alle ferrovie

La Regione Emilia-Romagna punta forte sulla mobilità sostenibile, in arrivo ecobonus fino a 3mila euro, più uno sconto minimo del 15% sul prezzo di listino da parte dei concessionari, per i cittadini che scelgono di cambiare la vecchia auto, compresi i diesel euro 4, e ne acquista una elettrica, ibrida, a metano o Gpl.

Come richiedere l’ecobonus

A partire dal 15 febbraio e fino al 24 maggio, per chi risiede in un Comune dell’Emilia-Romagna e ha un Isee familiare fino a 35mila euro l’anno sarà possibile richiedere online il contributo. Tutte le richieste di ecobonus regionali possono essere fatte nella sezione dedicata sul portale della Regione: http://www.regione.emilia-romagna.it/mobilitasostenibile .

Gli altri contributi

In aggiunta al nuovo ecobonus, la Regione conferma le altre misure già adottate per accelerare il rinnovo in chiave ecologica del parco mezzi circolante:

Ecobonus fino a 10mila euro indirizzato alle piccole e medie imprese, per la rottamazione dei veicoli commerciali diesel leggeri fino all’euro 4, attraverso il bando da quasi 4 milioni di euro aperto il 15 novembre scorso e tuttora disponibile;

Contributo fino a 191 euro l’anno, per tre anni, pari al costo del bollo auto per chi acquista un’auto ibrida nuova nel 2019;

In 13 città emiliano-romagnole, tra cui Ravenna (e tutti i 9 comuni capoluogo) e Faenza, bus gratis per chiunque sottoscriva un abbonamento annuale o mensile al servizio ferroviario, con un investimento di 6 milioni di euro all’anno per la Regione;

In seguito all’accordo sottoscritto nel settembre scorso dalla Regione con cinque tra le principali società fornitrici di energia che operano in regione per l’installazione entro il 2020 a loro spese di una rete pubblica di 1.500 colonnine per la ricarica delle auto elettriche nei punti nevralgici delle principali città dell’Emilia-Romagna; altre 500 colonnine saranno installate nel prossimo biennio dagli operatori privati grazie al cofinanziamento regionale attraverso i fondi del Piano nazionale infrastrutture ricarica elettrica (Pnire), per un investimento complessivo stimato intorno ai 18 milioni di euro.

I commenti

“Si tratta di un’ulteriore azione - sottolinea l’assessore Gazzolo presentando le misure - che arricchisce la politica regionale per un'aria più pulita, grazie al lavoro svolto in modo condiviso con i Comuni e le associazioni dei consumatori, che forniranno un supporto prezioso ai cittadini interessati ad usufruire di quest’opportunità. Con questo nuovo bando l'Emilia-Romagna prosegue e rafforza il suo impegno per il rinnovo del parco mezzi e per dare un taglio netto alle emissioni derivanti dai trasporti su gomma”.

“L’impegno della Regione per ridurre l’inquinamento del traffico su quattro ruote - aggiunge l’assessore Donini - passa anche attraverso un’adeguata politica di incentivi per invitare cittadini e imprese a fare scelte più responsabili. Va in questo senso la misura che abbiamo introdotto in via sperimentale due anni fa e che di fatto garantisce tre anni di bollo gratis agli automobilisti che acquistano un’auto ibrida. Un’iniziativa che nel primo biennio di applicazione (2017-2018) ha riscosso un grande successo, facendo registrare in totale 5.780 richieste di contributo. Ottima accoglienza sta avendo anche il progetto ‘Mi muovo anche in città: la possibilità offerta dalla Regione ai possessori di un abbonamento ferroviario Trenitalia o Tper di viaggiare gratis sugli autobus in 13 città dell’Emilia-Romagna: i 9 capoluoghi provinciali più Carpi, Imola e Faenza. Un beneficio al quale hanno già aderito oltre 30mila pendolari, in gran parte lavoratori e studenti”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.