11 febbraio 2019 - Ravenna, Cronaca, Società

"Palo in mezzo al marciapiede: passeggini, disabili e anziani non ci passano"

In via Don Minzoni, nel pieno centro della città

"Palo in mezzo al marciapiede: passeggini, disabili e anziani non ci passano"

Riportiamo di seguito la lettera di un lettore il quale ci segnala una mancanza nella sicurezza stradale per i pedoni sul marciapiede di via Don Minzoni, la via che collega via San Gaetanino, Porta Adriana, via Maggiore e che conduce anche al parcheggio Largo Giustiniano (a fianco del Museo Nazionale di Ravenna), nel pieno centro della città bizantina. 

Per intenderci, avendo Porta Adriana alle spalle e guardando verso via Maggiore, è la prima via a destra (nell'immagine è segnata in rosso).

Via Don Minzoni

Il nostro lettore segnala la presenza nel pieno centro del marciapiede di un lampione.

La stessa cosa si verifica, secondo quanto segnalatoci e secondo le foto inviatoci, che potete vedere nella gallery in fondo all'articolo, per tutta la lunghezza del marciapiede. 

Si tratta, come afferma il lettore, di una grave incongruenza con il Regolamento Urbano del Traffico, pubblicato sul sito del Comune di Ravenna - Area Infrastrutture Civili Servizio Mobilità e Viabilità, e soprattutto, di pericolo. 

La pericolosità del tratto riguarda specialmente i soggetti più a rischio come mamme con passeggini, disabili o anziani che, non avendo lo spazio per passare sul marciapiede, sono costretti a scendere da esso e camminare in strada. 

Ciò in diversi punti del marciapiede in questione. 

La lettera inviataci dal nostro lettore

"Buongiorno, 

vi scrivo per segnalarvi una grave situazione di pericolo in una strada a due passi (di numero) dall'ingresso del centro storico, ovvero da Porta Adriana. 

Si tratta della presenza, nel bel mezzo del marciapiede, di lampioni. 

Inoltre, cosa ancora più grave, non si tratta di uno solo, ma la cosa è ripetuta per tutto il tratto finale di via Don Minzoni, fino all'arrivo a Porta Adriana.

Il marciapiede è già stretto e con la presenza del palo della luce al centro, è letteralmete impraticabile, in particolare per i soggetti più deboli e a rischio. 

Sto parlando di mamme con i passeggini, anziani in sedia a rotelle o disabili i quali si ritrovano costretti a scendere dal marciapiede e continuare il percorso per la strada esponendosi al pericolo derivante dal traffico di vetture. 

Ciò si rivela ancora più pericoloso perchè via Don Minzoni non è molto larga e le macchine spesso vanno ad una velocità non moderata elevando il rischio di incidenti ancora di più. 

Si tratta di una pericolossisima incongruenza e, soprattutto, di un mancato rispetto del Regolamento Urbano del Traffico pubblicato sul sito del Comune di Ravenna - Area Infrastrutture Civili Servizio Mobilità e Viabilità, il quale afferma specificatamete al paragrafo 9.4. (Marciapiedi, marciapiedi protetti e passaggi pedonali) che: 'Il marciapiede va visto come percorso pedonale continuo e coerente, progettato con la stessa dignità di quello viabile secondo i principi di tutela delle utenze deboli e degli invalidi'.

Trovo che quanto appena riportato non sia stato affatto rispettato nel caso di via Don Minzoni. 

Inoltere il suddetto Regolamento afferma: 'Sui marciapiedi possono, comunque, trovare collocazione alcuni servizi di modesto impegno quali centralini semaforici, colonnine di chiamata di soccorso, parcometri, idranti, pali e supporti per l'illuminazione e per la segnaletica verticale, nonché eventualmente per cartelloni pubblicitari (questi ultimi da ubicare, comunque, in senso longitudinale alla strada) avendo cura di minimizzare le interferenze con il flusso pedonale'.

Anche in questo caso mi pare che il Regolamento non sia stato rispettato in quanto la collocazione dei pali della luce in questo caso interferisce davvero molto con il flusso pedonale, soprattutto dei soggetti più a rischio". 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.