12 febbraio 2019 - Ravenna, Cronaca

“Alla Pialassa dei Piomboni si rischia il disastro ambientale”

La denuncia del MeetUp A riveder le stelle Ravenna sulla situazione di abbandono del cargo Berkan B

Arriva dal MeetUp A riveder le stelle Ravenna la denuncia della pericolosa situazione del cargo Berkan B, situato da ottobre 2017 nel tratto di canale portuale, le cui acque sono le stesse che circolano dentro la zona del Parco del Delta del Po “Pialassa dei Piomboni”. Il MeetUp segnala come il cargo, lungo oltre 100 metri, sia spezzato in due a causa a demolizione per recupero ferro eseguita con un progetto che, secondo la denuncia, non avrebbe tenuto conto delle fasi di alleggerimento dei carichi.

La nota mostra con svariate foto come dal relitto abbandonato, lasciato “nel più totale menefreghismo delle Istituzioni competenti”, sia presente una fuoriuscita nelle acque di liquami neri, presumibilmente carburante, con relative chiazze iridescenti. “L’acqua sta entrando nella poppa, poppa e prua affondano ogni giorno di più, le cime di ormeggio sono alla massima tensione e a brevissimo tutto il relitto ed il suo carico inquinante potrebbero inabissarsi”.

Ieri, lunedì 11 febbraio, il MeetUp ha presentato una denuncia al Comando Provinciale dei Carabinieri di Ravenna, depositando immagini e filmati, ha informato i Carabinieri forestali, ed ha inoltrato PEC ad Arpae, al Ministero delle Infrastutture e dei Trasporti ed al Ministero dell’Ambiente. Per sottolineare la gravità del problema, inoltre, il materiale verrà anche spedito a breve alla Procura di Ravenna.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.