25 febbraio 2019 - Ravenna, Società

Riparte la lotta contro la Processionaria

Quali sono le zone sensibili e i consigli utili

Trattamenti endoterapici nelle zone sensibili

L’Amministrazione comunale di Ravenna, per dare continuità alla lotta contro la processionaria del pino, ha avviato a un piano triennale di trattamenti endoterapici, riguardante le piante localizzate in siti sensibili per la presenza di questo parassita: scuole, aree verdi attrezzate con giochi ed aree adibite allo sgambamento cani.

La Processionaria del pino (Traumatocampa pityocampa) è un lepidottero defogliatore che attacca in particolare i pini. Il danno è causato dalle larve che inducono defogliazioni, talvolta accentuate, delle piante su cui compiono il loro sviluppo; le infestazioni si caratterizzano spesso con fluttuazioni graduali delle popolazioni, il cui culmine si manifesta ogni 5-7 anni, a seconda delle condizioni ambientali. 
Le larve sono dotate di peli urticanti che le rendono pericolose per le persone e gli animali, soprattutto nel momento in cui fuoriescono da nidi invernali, provocando infiammazioni, dermatiti e reazioni allergiche di varia entità.

Consigli utili

Come ogni anno, l'Amministrazione comunale si occupa della gestione della problematica delle processionarie nelle aree pubbliche e chiede la collaborazione della cittadinanza per ridurre al minimo il problema.

Per limitare nelle aree pubbliche sensibili la proliferazione della Processionaria del pino, il Comune ha effettuato tramite Azimut, titolare del contratto di disinfestazione del territorio comunale pubblico, una serie di azioni di trattamento preventivo dei pini presenti nei cortili delle scuole comunali alle quali quest'anno si è aggiunto anche uno specifico trattamento endoterapico che ha coinvolto, oltre ai pini dei giardini di scuole, ed aree riservate ai cani.

Continuano, inoltre, i sopralluoghi nelle restanti aree verdi comunali per l’individuazione di eventuali presenze di nidi e, dove necessario, asportazione degli stessi tramite piattaforma aerea.

Solitamente verso la fine del mese di marzo si entra nella  fase finale del ciclo biologico annuale della Processionaria, con la discesa a terra delle larve, in cerca di siti idonei per tramutarsi in farfalla; con le variazioni climatiche in corso, tale fase potrebbe essere anticipata.
In questa fase la tecnica di lotta utilizzata è meccanica, con asportazione dei rami infestati dai nidi e la loro immediata distruzione con mezzi e modalità idonei. È comunque sempre consigliabile rivolgersi a personale specializzato del settore manutenzione verde e/o disinfestazione.

Considerato il periodo, l’andamento stagionale e le reazioni che possono causare i peli urticanti presenti sulle forme larvali di questi lepidotteri (infiammazioni, dermatiti e reazioni allergiche di varia entità), l’Amministrazione comunale e Azimut consigliano le seguenti norme di comportamento:

  1. evitare di sostare in prossimità delle piante o delle aree infestate;
  2. evitare di asportare i nidi con mezzi e modalità non idonei e senza adeguate protezioni, in quanto si potrebbe causare la fuoriuscita delle larve eventualmente presenti all’interno;
  3. evitare di raccogliere le larve anche se dotati di dispositivi di protezione (guanti) in quanto gli aculei, estremamente leggeri, potrebbero facilmente liberarsi nell’aria;
  4. tenere sotto controllo bambini e animali domestici, spesso incuriositi da queste larve dal comportamento gregario;
  5. consultare un medico nell’eventualità di contatto con gli occhi, inalazione o ingestione dei peli urticanti
  6. nel periodo del verificarsi delle processioni a terra, per diminuire il rischio dovuto ai peli urticanti di queste larve, si può procedere alla loro bagnatura con acqua calda sopra i 60°. In questo modo viene disattivato l’effetto urticante dei peli e si potrà procedere più tranquillamente alla raccolta e distruzione delle larve.

Si ricorda che Azimut effettua interventi esclusivamente sulle aree pubbliche e non effettua interventi nelle aree private, la cui competenza resta a carico dei proprietari interessati.
Per ulteriori informazioni o per segnalare casi di infestazione su suolo pubblico, si invita la cittadinanza a contattare Azimut al seguente indirizzo mail: info@azimut-spa.it

Come sono divisi gli interventi per contrastare la processionaria

Gli interventi operativi messi in atto per contrastare la presenza della processionaria sui pini si dividono in due fasi operative.

La prima è quella dei trattamenti endoterapici che sono stati effettuati nei mesi di novembre e dicembre, ovvero l’iniezione all’interno delle piante di un insetticida che impedisce lo sviluppo del parassita per circa tre anni;

la seconda fase è quella dell'asportazione dei “nidi” del parassita qualora si vengano a presentare nel periodo di fine inverno.

Una tecnica molto efficace e a bassissimo impatto ambientale

La tecnica dell’endoterapia risulta essere molto efficace e a bassissimo impatto ambientale. Il principio attivo viene, infatti, iniettato direttamente all’interno del circolo linfatico della pianta, evitando la sua dispersione nell’ambiente.

Tale attività è eseguita da Azimut Spa in virtù del contratto di servizio in essere con il Comune di Ravenna, finalizzato alla programmazione e alla realizzazione delle disinfestazioni negli ambiti comunali.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.