14 febbraio 2019 - Ravenna, Cronaca

Vittime di un reato intenzionale violento: riapertura dei termini e proroga per la presentazione delle istanze

Fino al 30 settembre 2019

“Bilancio di previsione dello stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021”

Sul Supplemento Ordinario della Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31 dicembre 2018, è stata pubblicata la legge 30 dicembre 2018, n. 145 recante “Bilancio di previsione dello stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021”.

Riapertura dei termini e la proroga fino al 30 settembre 2019

Il Comma 594 dell’art. 1 della citata legge prevede la riapertura dei termini e la proroga fino al 30 settembre 2019 per la presentazione delle istanze per le vittime di un reato intenzionale violento commesso successivamente al 30 giugno 2005 e prima del 23 luglio 2016 – data dell’entrata in vigore della legge 122/2016 - così come per le vittime di lesioni personali gravissime.

I presupposti e i requisiti per l’accesso al Fondo delle vittime dei reati intenzionali violenti

I presupposti e i requisiti per l’accesso al Fondo delle vittime dei reati intenzionali violenti sono reperibili sul sito del al seguente link :http://www.interno.gov.it/it/ministero/commissario-vittime-reati-mafiosi-e-intenzionali-violenti/presupposti-e-requisiti-laccesso-fondo-vittime-dei-reati-intenzionali-violenti

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.