14 febbraio 2019 - Ravenna, Cronaca, Società

25mila euro dalla Regione per il progetto del Comune sui campi profughi Saharawi

Per la tutela della salute e la promozione dell’accesso ai servizi sanitari di base

Dalla Regione 25mila euro per il progetto del Comune sui campi profughi Saharawi

Il Comune si è aggiudicato un contributo di 25mila euro per il progetto “Salud Primero, per la tutela della salute e la promozione dell’accesso ai servizi sanitari di base nei campi profughi saharawi” presentato nell’ambito dei progetti di cooperazione internazionale con i Paesi in via di sviluppo e in via di transizione co-finanziati dalla Regione Emilia Romagna.

Prevenzione, assistenza e professionalizzazione

In continuità con le passate progettualità, il Comune interviene a tutela della salute della popolazione saharawi rifugiata nei pressi di Tindouf, in Algeria, sostenendo principalmente le risorse umane locali (medici, ostetriche, paramedici, tecnici) in un’ottica di prevenzione, assistenza della popolazione locale e professionalizzazione delle figure sanitarie saharawi.

Il progetto viene realizzato con la collaborazione di altre organizzazioni ed enti fra cui l’associazione Kabara Lagdaf (Modena), AUSER Ravenna, RC Mistral, ONG CISP, associazione Forlivese Malattie del Fegato, il locale Ministero della Salute Pubblica.

Le parole dell'assessora alla Cooperazione internazionale, Ouidad Bakkali

"Grazie a questi nuovi finanziamenti – evidenzia Ouidad Bakkali, assessora alla Cooperazione internazionale - continuiamo a svolgere la nostra parte nell'ambito delle politiche di cooperazione internazionale promosse dalla nostra Regione. Queste politiche sono oggi più urgenti che mai per promuovere una cultura della cittadinanza globale che ci renda sempre più consapevoli che ciò che succede nelle aree più povere del mondo ci riguarda da vicino e anche gli enti locali possono fare la loro parte".

Il progetto “Educazione Saharawi – Diritto all’educazione, diritto al futuro per le nuove generazioni Saharawi”

Il Comune di Ravenna infatti è anche fra i partner del progetto “Educazione Saharawi – Diritto all’educazione, diritto al futuro per le nuove generazioni Saharawi”, teso a migliorare la qualità dell’offerta educativa scolastica rivolta ai giovani saharawi e rafforzare la loro consapevolezza circa l’importanza delle opportunità di apprendimento di qualità, presentato dalla ONG CISP, che è titolare di un contributo regionale di 25mila euro.

Proseguono anche le attività di cooperazione in Senegal, grazie al partenariato con i progetti “Comunità resilienti in rene nel Senegal rurale”, assegnato all’associazione MANI (Parma) e “Santé Sans Frontières” della Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo.

Con un contributo regionale di 49 mila 296 euro, “Comunità resilienti” contribuisce a migliorare la condizione femminile e rafforzarne il ruolo pubblico nello sviluppo delle comunità di 4 villaggi nelle regioni di Thies e Fatick (sicurezza alimentare, welfare generativo, educazione alla salute e accesso ai servizi sanitari, alfabetizzazione e scolarizzazione).

La Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo, con un contributo di 25mila013 euro per interventi nella Regione di Ziguinchor (Casamance) per migliorare il sistema sanitario della zona di Oukout e contribuire alla ristrutturazione di alcuni reparti di ginecologia e ostetricia, di alcune strutture di prima accoglienza (medicina di urgenza) e di fornire alcuni mezzi diagnostici trasportabili da un villaggio ad un altro, oltre che l’acquisto di una ambulanza fluviale per poter rendere più tempestivo l’intervento medico e aiutare anche le popolazioni distanti dal Poste de Santé di Oussuye.

Sono complessivamente 41 i progetti ammessi dalla Regione Emilia Romagna, proposti da associazioni, ONG ed enti locali, per un importo complessivo di 1.253.575 euro.

Gli ambiti di intervento ricorrenti sono la sanità, il settore agro-alimentare, l’educazione e la tutela dei minori, l’inclusione sociale ed economica di donne e giovani.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.