21 febbraio 2019 - Ravenna, Cronaca

Per una Riviera romagnola più "Sharing"

Il bike sharing piace ai cittadini e all'ambiente, ma il suo limite è nella sostenibilità economica

Sulla Riviera romagnola non si respira una buona aria. L'emergenza inquinamento torna a farsi sentire e il suo "termometro" sono gli sforamenti nei limiti massimi di polveri sottili.

Una buona fetta di responsabilità, come è noto, è da attribuire all'uso dell'automobile, da cui deriva la necessità di incentivare la mobilità sostenibile, che tocca il cuore del problema.

L'anno scorso, più o meno di questi tempi, comparivano per la prima volta in Romagna le oBike, le bici gialle che permettevano un comodo servizio di bike sharing per cittadini e turisti. La start up di Singapore che lanciò il servizio è fallita qualche mese fa, ma resta il fatto che sulla Riviera romagnola le sue bici hanno ottenuto un buon successo.

La nostra riviera, in realtà, è sempre stata attivissima nel noleggio bici... ma che lo sia sempre meno è un dato di fatto.

Ciò che è emerso negli ultimi anni è che, pur piacendo a cittadini e turisti e giovando all'ambiente, un limite nella sostenibilità economica di questa attività, da un punto di vista imprenditoriale, consiste nel dover pagare, a ogni Comune della Riviera romagnola ove essa si svolge, la Tosap (Tassa Occupazione Suolo Pubblico) per ogni singola bicicletta.

Sarebbe auspicabile, visto il loro rilevante valore sociale, che i nostri Comuni decidessero di esentare dalla Tosap queste iniziative economiche, o tramite esenzione vera e propria, o tramite contributi compensativi. Una logica da estendere a tanti settori meritevoli della sharing economy. Per una Riviera più green, sharing e contemporanea...

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.