11 marzo 2019 - Ravenna, Cronaca

"Regole per la sicurezza: a rischio la sorte delle piccole feste paesane"

La lettera per chiedere aiuto e collaborazione

Feste di paese a rischio?

Una situazione difficile quella in vista per i piccoli Comitati cittadini che, a seguito dell’incremento delle regole per la sicurezza, vedono l’organizzazione di feste e sagre di paese sempre più a rischio nel futuro.

Le regole per mantenere la sicurezza all’interno di queste aree organizzate per lo svago sono aumentate e non si può dubitare che siano per la protezione di chiunque vi partecipi, sia come organizzatore/collaboratore che per chiunque ne usufruisca, ma tale incremento porta con sé anche numerose difficoltà che, per il momento, i Comitati devono affrontare da soli.

Prima fra tutte è quella legata ai permessi che si rivelano troppo costosi per essere sostenuti da queste piccole organizzazioni.

Lettera per chiedere aiuto

E’ nata così l’iniziativa che ha visto comitati cittadini, associazioni sportive e Pro loco riunirsi, dapprima a Borgo Montone nel mese di gennaio e poi a Classe nei giorni scorsi, per redigere una lettera indirizzata a prefetto, sindaco, suap (sportello unico attività produttive) del Comune e alle associazioni Confcommercio e Confesercenti per chiedere sostegno.

La richiesta è semplicemente quella di aiutare queste organizzazioni che, essendo piccole e principalmente composte da persone di età avanzata, faticano notevolmente ad affrontare l’allestimento di questi momenti di riunione ricreativa collettiva.

Costi troppo elevati: niente più aiuto alle scuole di paese?

I Comitati cittadini richiedono quindi un sistema di azioni volte alla collaborazione da parte del Comune il quale, come scritto nella lettera, potrebbe aiutare con un incentivo economico, con l’istituzione di uno sportello che assista gli organizzatori oppure, affermano i cittadini: “Ci piacerebbe che i tecnici comunali venissero a controllare le strutture al posto dei tecnici privati che ora dobbiamo pagarci da soli”.

Ciò perché ogni autorizzazione in più ha un costo difficile da sostenere per le feste paesane e se le piccole organizzazioni le devono pagare con i propri fondi (i ricavati delle feste), non potranno più investirli per aiutare le scuole di paese, come hanno sempre fatto.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.