12 marzo 2019 - Ravenna, Cronaca

“In arrivo uomini e mezzi Vigili del Fuoco di Ravenna”

La Pigna sottolinea il tempestivo intervento del Ministero dell’Interno in seguito al proprio appello

“Il Comando dei Vigili del Fuoco di Ravenna sarà assegnatario di nuovi mezzi di soccorso e di nuovo personale, nello specifico di nuove autoscale, autopompe-serbatoio e personale aggiuntivo a partire da maggio 2019, così come previsto dall’ultima legge di bilancio”.

Lo afferma una nota della Pigna, che ci tiene a ringraziare “il Ministero dell’Interno per l’attenzione e la disponibilità mostrata nel colmare le carenze di personale e di automezzi”, evidenziando come “le carenze di personale, soprattutto quelle relative ai 3 capisquadra, essendone in organico 51 su 54, saranno colmate con la procedura di mobilità attualmente in chiusura”.

La polemica di gennaio

Erano stati i sindacati degli stessi Vigili del Fuoco di Ravenna a sollevare la polemica a proposito della presenza di una sola squadra in città, in seguito all’incendio sviluppatosi nell’appartamento all’ultimo piano dello stabile di via Marzabotto, proprio di fronte alla  Caserma. Nell’occasione la Pigna rivendica la paternità dell’appello scritto al Ministro dell’Interno Matteo Salvini per illustrare la situazione e per chiedere l’assegnazione di uomini e mezzi al fine di aumentare la sicurezza dei ravennati e della nostra città.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.