13 marzo 2019 - Ravenna, Società

Il ricordo delle 13 vittime della strage della Mecnavi nella cerimonia per il 32esimo anniversario

Deposte due corone alla lapide lungo lo scalone del municipio, Fusignani: “Rendere il lavoro sempre più sicuro”

Si è svolta nella mattinata di oggi, mercoledì 13 marzo, la cerimonia in ricordo delle 13 vittime della strage della Mecnavi, nel giorno del 32esimo anniversario. Sotto la lapide posta lungo lo scalone del municipio sono state deposte, da parte del Comune di Ravenna e dei sindacati Cgil, Cisl e Uil, due corone in onore  degli operai che persero la vita asfissiati mentre erano al lavoro a bordo della nave gasiera Elisabetta Montanari, nei cantieri navali del porto, il 13 marzo del 1987.

Alla cerimonia sono interventi il vicesindaco Eugenio Fusignani, il sindaco di Bertinoro Gabriele Antonio Fratto, il segretario generale Cisl Romagna Francesco Marinelli a nome delle tre confederazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil. Erano presenti per la Provincia di Ravenna Daniele Perini, rappresentanti delle autorità civili e militari e molti cittadini.

Le parole del vicesindaco Fusignani

“Oggi è la giornata del ricordo e della commozione – ha detto Fusignani -. È un dovere morale rinnovare la memoria di quel tragico evento non solo per muovere la nostra compassione, ma anche per spingere le nostre coscienze a lavorare perché questi fatti non accadano più. Quella tragedia ha provocato un dolore profondo nella nostra comunità, caricandoci di nuove e più incalzanti responsabilità. In quei giorni è partito il nostro impegno comune di istituzioni, sindacati e associazioni per rendere il lavoro sempre più sicuro”.

Il vicesindaco ha poi proseguito: “Leggi e regole, controlli, formazione e cultura della sicurezza sono i pilastri del nostro impegno. Oggi più che mai stiamo vivendo una crisi di rappresentanza delle istituzioni, dei partiti che coinvolge anche le stesse organizzazioni sindacali. Questo rapporto di fiducia va ricostruito con pazienza, correggendo gli errori che abbiamo fatto. Una cosa però non la dobbiamo dimenticare: dove non ci sono i sindacati la tutela dei lavoratori è a rischio. Purtroppo ancora si verificano infortuni sul lavoro. Voglio ricordare la persona deceduta poco più di una settimana fa sulla piattaforma Barbara F. La prevenzione deve rimanere l’obiettivo principale e l’errore umano non deve essere un alibi. Così come la competitività non deve essere ricercata a scapito della sicurezza dei lavoratori”.

Le due corone sotto la lapide
Le due corone sotto la lapide

“Oggi deve essere solo la giornata del ricordo e dell’impegno: dunque non può essere questa l’occasione per polemiche con il governo e con la maggioranza che lo sostiene – ha concluso Fusignani –. Tuttavia non si può sorvolare sul fatto che il nostro governo, non sostenendo lo sviluppo attraverso i mancati investimenti sulle infrastrutture necessarie al nostro paese e al rilancio dell’economia e, soprattutto, con impostazioni che mettano in crisi settori strategici del nostro sistema, come l’oil & gas e quello dell’energia, determinano condizioni che creeranno nuova povertà, aumentando la disoccupazione e, dunque, gettando le basi per un potenziale aumento del lavoro nero che, di suo, è già fuori da ogni controllo sulle più elementari condizioni di sicurezza”.

Il seminario

La commemorazione del 32° anniversario della Mecnavi prosegue domani, giovedì 14 marzo.  All’hotel Cube di via Luigi Masotti 2, dalle 8.30 alle 13, si svolgerà il seminario formativo “Lavoro e violenza. Riflessioni per la prevenzione. Quale ruolo per RLS-RLST-RLS di Sito (PRP 2015-2019)”. L'apertura dei lavori sarà affidata a Andrea Marchetti (organizzazioni sindacali Servizio informativo rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza della provincia di Ravenna – Sirs).

Si procederà con i contributi di Marco Broccoli, dell’unità operativa Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro dell’Ausl Romagna, su “Origine e forme della violenza nel lavoro e indicazioni per la prevenzione”; Federico Ricci, dell’ Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, su “La gestione delle relazioni problematiche e dei comportamenti violenti nel lavoro di cura”; Stefano Grandi, collaboratore Sirs Emilia-Romagna, su “Aspetti organizzativi per la prevenzione della violenza e delle aggressioni in ambito sanitario”; Carlo Sama, organizzazioni sindacali Sirs Ravenna, su “Il ruolo del RLS in percorsi di prevenzione in specifici comparti”. Chiuderà i lavori Franco Garofalo (organizzazioni sindacali Sirs Ravenna).

Le iniziative sono promosse da Cgil, Cisl, Uil, Comuni di Ravenna e Bertinoro, Provincia e Ausl Romagna nell’ambito dei progetti “Piani per la salute provincia di Ravenna”. In particolare il seminario formativo è promosso da Servizio informativo rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza della provincia di Ravenna e Servizio informativo rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza Emilia-Romagna con il patrocinio del Comune (per l’iscrizione, obbligatoria, e altre informazioni, www.sirsrer.com).

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.