14 marzo 2019 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

Il 15 marzo si scende in piazza uniti contro i cambiamenti climatici

Protestare e cercare soluzioni a questa drastica situazione di pericolo

Global Climate Strike for Future, tutti uniti contro i cambiamenti climatici

"Global Strike for Future", è questo il nome dello sciopero globale per il clima previsto per la giornata di domani, 15 marzo, durante il quale giovani e studenti ( ma anche forze politiche locali ed attivisti) scenderanno in piazza e per le vie delle città a protestare e cercare soluzioni concrete contro la grave situazione che sta affliggendo il nostro pianeta sempre più gravato dal surriscaldamento globale e dai cambiamenti climatici.
Anche a Ravenna, Faenza e Lugo non si resta indifferenti e si scende a battersi per un vero miglioramento che riguardi tutti noi e le generazioni future, per questo sono state organizzate diverse iniziative che vedranno i giovani e gli studenti essere protagonisti di questo sciopero di protesta pacifica.

Un cartellone di protesta contro i cambiamenti climatici

Il cambiamento climatico: un pericolo anche per la stessa vita umana

Il cambiamento climatico si fa sempre più grave ed incombente avvolgendo come in una nuvola nera tutti noi e, purtroppo, il futuro per le prossime generazioni non si prevede certo limpido.

L’eccesso di consumi, la mancata cura del nostro ambiente, l’uso eccessivo dell’"usa e getta" e l’affievolimento progressivo della “cultura del risparmio” e di quella del “riciclo e riuso” stanno provocando danni sempre più incommensurabili al nostro Pianeta che si ritrova schiacciato dall’abuso dell’uomo.
È indispensabile ripensare drasticamente il modello di sviluppo e questo è uno dei motivi dello sciopero.

“Fridays for Future – Ravenna”

A Ravenna infatti, i partecipanti coinvolgeranno (dalle 9 alle 13 di venerdì 15 marzo) i passanti a ragionare sulle problematiche ambientali che riguardano il territorio ravennate e a ideare insieme delle possibili proposte per il miglioramento della situazione.

Al termine della raccolta delle varie considerazioni, verrà prodotto il Manifesto di “Fridays for Future – Ravenna” con proposte concrete e applicabili localmente nella lotta ai cambiamenti climatici.

Ad animare la mattinata di domani, venerdì 15 marzo, ci saranno anche workshop, flashmob e baratti.

Ricordiamo inoltre che non saranno sono gli studenti a scendere in piazza ma anche molte forze politiche del territorio che si schierano al fianco dei giovani per battersi per un futuro migliore.

Greta Thunberg

Da dove è nata l’idea?

Lo sciopero di venerdì per protestare e cercare soluzioni contro i drastici cambiamenti climatici che stanno gravando sul nostro Pianeta nasce su iniziativa dell’ormai celebre ragazzina svedese Greta Thunberg che da mesi
sciopera ogni venerdì perché l’umanità possa avere un futuro migliore.

L’iniziativa in ambito nazionale è fortemente sostenuta anche dal climatologo Luca Mercalli ,che ha invitato gli studenti a
mobilitarsi, infatti, come scrive sul suo profilo Facebook: "E' un momento importante su scala mondiale, il tentativo di dare priorità assoluta alla soluzione della crisi ambientale se non vogliamo che i nostri giovani siano costretti a vivere in un pianeta ostile”.

Si tratta quindi di un’occasione per porre tutti di fronte alla gravità del cambiamento climatico che mette a rischio la stessa sopravvivenza della specie umana, anche perché secondo alcuni scienziati restano solo dodici anni per poter agire in modo da ridurre l'impatto negativo del cambiamento climatico.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.