29 marzo 2019 - Ravenna, Cronaca

Fermato con droga e un coltello, prova a fuggire prendendo a gomitate un poliziotto, ma finisce in manette

Sul 54enne pregiudicato pendevano diverse ordinanze emesse in 3 diverse città dell’Emilia Romagna

È stato arrestato, per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, dalla Polizia di Stato un 54enne pregiudicato, originario del Marocco, senza fissa dimora in Italia, fermato nel pomeriggio di mercoledì da un equipaggio delle Volanti dell’Ufficio prevenzione Generale Soccorso Pubblico della Questura di Ravenna, accortosi che l’uomo, dopo aver disceso le scale antincendio di un fabbricato di via Newton, aveva cercato di nascondersi dietro ad un armadio in muratura destinato ai contatori condominiali.

Notata la situazione, uno dei poliziotti è sceso dall’auto di servizio per procedere all’identificazione dello straniero, ma questi si è dato immediatamente alla fuga verso il retrostante giardino pubblico. In breve raggiunto dall’agente, il fuggiasco ha reagito cercando di divincolarsi dalla presa sferrando delle gomitate allo stomaco al poliziotto ma, seppur a fatica, è stato immobilizzato con le manette di sicurezza.

Sottoposto ad immediata perquisizione personale è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico con lama di 4 centimetri, quattro involucri in nylon termosaldato contenenti eroina, oltre a 300 euro in banconote di vario taglio all’interno degli slip. La perquisizione è stata estesa anche al nascondiglio ricavato nel vano scale antincendio da cui l’uomo era stato visto uscire, nel quale i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato altri 3 involucri di eroina, che sommati agli altri formavano un peso complessivo di 12,8 grammi.

Nel vano sono stati inoltre rinvenuti, oltre a una bilancina elettronica di precisione e al materiale per il confezionamento delle dosi, altri 3 cellulari e un portafogli con all’interno dei documenti intestati ad una persona che ne aveva denunciato il furto con destrezza presso i Carabinieri di Milano Marittima (RA). L’uomo è stato quindi condotto in Questura e dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza a P.U. e ricettazione.

Dopo ulteriori verifiche, è emerso che il marocchino aveva violato l’obbligo di dimora in Rimini disposto da quel Tribunale nel dicembre 2018, e che a carico dell’uomo pendevano un’ordinanza di aggravamento di misura personale cautelare con la quale a Corte d’Appello di Bologna disponeva la carcerazione e un ordine di esecuzione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Forlì per un residuo di pena di un anno, tre mesi e venticinque giorni di reclusione. Al termine delle formalità di legge l’uomo è stato quindi associato alla Casa Circondariale di Ravenna.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.