9 aprile 2019 - Ravenna, Economia & Lavoro, Politica

Chiusura Ravegnana e Ponte Assi, La Pigna: “Aiutare subito le attività economiche sofferenti”

Il partito di opposizione porta nuovamente la grave situazione sul tavolo del Consiglio comunale

Tornano sul tavolo del Consiglio comunale le gravi conseguenze della chiusura prolungata della via Ravegnana, evidenziate dal Capogruppo de La Pigna Veronica Verlicchi, che riporta diversi incontri con alcuni dei commercianti coinvolti, i quali testimoniano un calo dei ricavi dal -20% fino addirittura al -60%.

“Tutte quelle attività che insistono proprio sulla via Ravegnana stanno per ricevere il colpo di grazia con l’imminente chiusura per lavori del Ponte Assi”, sottolinea la capogruppo del partito di opposizione, che spiega come non si possa restare indifferenti di fronte alle preoccupazioni dei commercianti, “che contrastano fortemente con la recente decisione della Giunta comunale di concedere gli sgravi sulle imposte comunali solo ed esclusivamente alle attività che si trovano nel breve tratto di chiusura della strada (aziende agricole escluse, peraltro)”.

“L’amministrazione de Pascale – prosegue Verlicchi in una nota stampa – si dimostra ancora una volta sorda alle richieste del proprio territorio e totalmente indifferente al rischio che tali attività possano chiudere, causando una nuova perdita di posti di lavoro nel nostro Comune. Da mesi, ovvero subito dopo il crollo della diga di San Bartolo, stiamo chiedendo al Sindaco, tramite una serie di proposte che sono state puntualmente bocciate, sia in Consiglio comunale, sia nei Consigli Territoriali interessati, di allargare il perimetro dei beneficiari degli sgravi a tutte le attività ed ai residenti delle località interessate (Longana, Roncalceci, Coccoliamo, Ville Unite, ecc. )”.

“Nonostante l’amministrazione resti ferma sulla sua incomprensibile posizione – conclude La Pigna –, noi continuiamo ad insistere perché il Comune faccia ciò che un Comune deve fare: tutelare i cittadini e le aziende.  Compito che assume particolare rilevanza in un periodo in cui la città di Ravenna è colpita da una gravissima e prolungata crisi economica che ha prodotto la chiusura di aziende e perdite consistenti di posti di lavoro”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.