9 aprile 2019 - Ravenna, Economia & Lavoro

Sharing economy: “Home restaurant e home pasticcerie sono attività imprenditoriali”

Confcommercio provincia di Ravenna monitora da tempo e con attenzione questo fenomeno

“L’attività di ‘Home Restaurant’ è classificata come attività imprenditoriale di somministrazione di alimenti e bevande e, dunque, può essere regolarmente esercitata solo nel rispetto delle specifiche prescrizioni previste per detta attività, perciò soggetta alla relativa disciplina commerciale, fiscale, igienico-sanitaria e di pubblica sicurezza”. La precisazione arriva direttamente dal Ministero dello Sviluppo Economico che chiarisce cosa possono o non possono fare queste attività.

Anche sul territorio ravennate questa tipologia di attività, come pure quella di ‘Home Pasticcerie’ sta prendendo piede, ma molto spesso chi la pratica non è a conoscenza delle limitazioni oppure non le rispetta esercitando abusivamente. Confcommercio provincia di Ravenna consapevole dei rischi economici, sociali e giuridici che le nuove attività di sharing economy comportano, monitora da tempo e con attenzione tale fenomeno, svolgendo approfondimenti ed intervenendo attivamente, anche attraverso segnalazioni agli organi di controllo.

“Come noto – scrive in una nota Confcommercio –, l’’Home Restaurant’ è un’attività che si caratterizza per la preparazione di pranzi e di cene presso il proprio domicilio in giorni dedicati e per poche persone, trattate, perlopiù, come ospiti personali ma paganti e pubblicizzata anche tramite domini su siti web. In passato sono state presentate alcune proposte di legge aventi ad oggetto la regolamentazione dell’attività di ristorazione in abitazione privata; le stesse, tuttavia, non hanno mai completato l’iter procedimentale per assumere il valore di legge. Questa la ragione per cui, allo stato attuale, tale fenomeno non è oggetto di una specifica normativa a livello nazionale”.

“Dunque – spiega l’associazione dei commercianti – si tratta di un’attività di somministrazione di alimenti e bevande, che può essere esercitata previo possesso dei requisiti di onorabilità nonché professionali e previa presentazione di una SCIA, qualora si svolga in zone non tutelate, o previa richiesta di un’autorizzazione, ove trattasi di attività svolta in zone tutelate. Quindi anche se i prodotti vengono preparati e serviti in locali privati coincidenti con il domicilio del cuoco, essi rappresentano comunque locali attrezzati aperti alla clientela”.

“Inoltre – prosegue Confcommercio –, sebbene i clienti vengano trattati come ‘ospiti personali’, la fornitura di tali prestazioni comporta il pagamento di un corrispettivo e, quindi, anche se eseguita con modalità innovative, l’attività rientra tra le attività economiche in senso proprio, rappresentata dalla fornitura del servizio di somministrazione di alimenti e bevande in cambio del pagamento di un prezzo”.

In conclusione della nota si sottolinea che “tale attività può essere regolarmente esercitata solo nel rispetto delle vigenti norme, prescrizioni e autorizzazioni in materia edilizia, urbanistica e igienico-sanitaria, nonché di quelle sulla destinazione d’uso dei locali e degli edifici”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.