11 aprile 2019 - Ravenna, Eventi, Ravenna Festival

Ravenna Festival celebra il ritmo

Dal 6 al 15 giugno dieci giorni di eventi. Serata finale con le "100 percussioni" in "Tamburi nella notte"

Dieci giorni di eventi – dal 6 al 15 giugno – nel segno del ritmo: Ravenna Festival celebra il “battito” delle percussioni, declinate nel segno dei vari Paesi e delle culture. “In principio era il ritmo” è il tema della programmazione, presentata dal sovrintendente Antonio De Rosa e dal direttore artistico Franco Masotti. Una proposta straordinariamente varia, attenta alle radici “tribali” e nello stesso tempo agli esiti più moderni della musica elettronica. Con la consapevolezza che questi battiti attraversano e segnano tutti gli stili musicali. E dopo i "100 violoncelli" e le "100 chitarre", quest’anno spazio alle "100 percussioni": con il coinvolgimento di musicisti di varie età e varie estrazioni musicali, del territorio e oltre. In molti stanno già rispondendo alla “chiamata” (il termine è il 13 maggio), che culminerà con il concerto “Tamburi nella notte”, il 15 giugno al Palà De Andrè. Ancora protagonista, come nel 2018, una composizione originale di Michele Tadini. Il tutto sulla scorta del grande successo dell'anno scorso, quando i suoni di chitarre e bassi “In a Blink of a Night” rappresentarono uno dei momenti clou della passata edizione.

Come hanno spiegato De Rosa e Masotti, la rassegna “In principio era il ritmo” si aprirà con un omaggio al grande batterista jazz ravennate Franco Manzecchi ( a 40 anni dalla scomparsa), che dalla “città del silenzio” portò la sua musica nella Parigi degli anni ‘60, suonando con i più grandi. Un altro grande ravennate, il sacerdote Francesco Negri nel XVII secolo compì il “Viaggio settentrionale” verso Capo Nord: oltre a “scoprire” gli sci, studiò il caratteristico strumento della popolazione Sami, un tamburo…

Tra le novità di quest’anno, come vedremo, anche una location particolare: la Darsena Pop Up.

Dunque, viene rilevato nella nota artistica, una nuova invasione musicale incombe su Ravenna: dopo i violoncelli e le chitarre, quest’anno la navigazione “per l’alto mare aperto” della XXX edizione si avventura fra i flutti per attraversare il vasto arcipelago delle percussioni. Dal primitivismo de Le Sacre du printemps di Stravinskij al gioiosamente rumoroso jazz, dalle esplosioni rock alla black music fino all’ossessività techno, la sterminata famiglia delle percussioni ha innervato dei propri battiti tutto il rivoluzionario Novecento. E ora anche la Ravenna che D’Annunzio cantava come “città del silenzio” risuonerà di tamburi, metallofoni e xilofoni, djembe, m’bire e kalimbe, dagli strumenti più classici a quelli più esotici. Il racconto del Festival si dipana sotto gli occhi affrescati dei santi nel Refettorio del Museo Nazionale e nell’abside del Teatro Rasi, ma anche nel candore barocco di S. Giacomo a Forlì e nella basilica industriale delle Artificerie Almagià, al teatro Alighieri e a Palazzo dei Congressi, nei duttili spazi della Darsena Pop Up, nonché all’aria aperta del centro storico e quella dell’argine dei Fiumi Uniti.

Il porto di partenza è, fisicamente e idealmente, Ravenna, con una conversazione a cura di Francesco Martinelli dedicata al “ravennate a Parigi” Franco Manzecchi, pioniere della batteria jazz moderna (6 giugno nel Chiostro della Biblioteca Classense) seguita da Harmograph, trittico di omaggi firmati da Matteo Scaioli: Igor Stravinsky, Egisto Macchi e Giusto Pio saranno celebrati in tre concerti dal 7 al 9 giugno, tutti nella Sala del Refettorio del Museo Nazionale.

Le 100 percussioni incontrano inoltre un appuntamento ormai tradizionale del Festival: il concerto trekking in collaborazione con Trail Romagna, che domenica 9 giugno accompagnerà il pubblico “Su la fiumana ove ‘l mar non ha vanto” (Inf. II, 108) con un percorso musicale e gastronomico (grazie alle stazioni curate dagli chef stellati di CheftoChef) tra argini, capanni e la foce dei Fiumi Uniti. Tra gli incontri del percorso - lungo sette km - le poesie dialettali di Nevio Spadoni, i racconti di pesca dello scrittore Fabio Fiori, la scanzonata opera dedicata alle avventure di Colombo del trio Al Caravèl, ma anche le percussioni sciamaniche di Vince Vallicelli con Don Antonio per Musica senza argini, i ritmi trascinanti di Alejandro Oliva e Marco Zanotti, i suoni ammalianti e delicatissimi della regina della m’bira. Proprio Stella Chiweshe, dallo Zimbabwe, converserà con Zanotti sabato 8 giugno al CISIM di Lido Adriano.

Vulcanico inizio di settimana con ben tre appuntamenti in programma per lunedì 10 giugno. Si comincia nel tardo pomeriggio da Piazza del Popolo con le prove aperte dell’Officina del Ritmo: conexión Buenos Aires con l’ensemble di percussioni diretto da Alejandro Oliva e coordinato da Marco Zanotti. A Palazzo dei Congressi il concerto serale è una performance di percussioni…e maratona: L’umiliazione delle stelle vedrà percussioni, strumenti a fiato ed elettronica dell’ensemble Ars Ludi accompagnare il video-romanzo scritto e recitato da Mauro Covacich, autore finalista del premio Strega. Infine, Nihiloxica all’Almagià: la techno incontra le percussioni ugandesi, prima delle notti pulsanti di questa rassegna.

Martedì 11 giugno è tempo di scoprire un tesoro nascosto quale Occam Ocean - Occam XXVI di Eliane Radigue, eseguito da Enrico Malatesta nel Refettorio del Museo Nazionale. Al Teatro Rasi invece doppio programma: mentre l’ensemble Ars Ludi (Antonio Caggiano, Rodolfo Rossi, Gianluca Ruggeri) si esibisce in Ostinato di Giorgio Battistelli, il Chigiana Percussion Ensemble, guidato da Antonio Caggiano (che è anche docente al Conservatorio di Santa Cecilia) e spalleggiato dal soprano Silvia Lee, dal contralto Chiara Tavolieri e dall’ottavino di Manuel Zurria, si misura con il capolavoro assoluto del minimalismo Drumming di Steve Reich.

Mercoledì 12 giugno è tempo per l’incontenibile esplosione di Officina del Ritmo alla Darsena Pop Up, un’esperienza guidata dai codici gestuali de “La Bomba de Tiempo”, creata nel 2006 da Santiago Vázquez con l’obiettivo di esplorare il ritmo per produrre una musica potente e ballabile in grado di rappresentare genuinamente, anche attraverso l’improvvisazione, tutte le influenze della sfaccettata e vivace cultura di Buenos Aires.

Giovedì 13 giugno incursione a Forlì per l’esecuzione di un altro caposaldo della musica contemporanea: la Chiesa di S. Giacomo accoglie Kathinkas Gesang als Luzifers Requiem (Il canto di Kathinka ovvero il Requiem per Lucifero da Samstag aus Licht) di Karlheinz Stockhausen, con flauto di Manuel Zurria e live electronics di Alvise Vidolin, pioniere fra i più influenti del sound design, accompagnati dal Chigiana Percussion Ensemble.

Il Festival si fa in quattro venerdì 14 giugno: si comincia dal Teatro Alighieri con Terra di Nicola Sani, affidato alle percussioni di Antonio Caggiano e al live electronics di Alvise Vidolin, e si continua nel centro storico con il Chigiana Percussion Ensemble mutato in Marching Band. Il ritmo sbarca ancora una volta in Darsena, prima con il concerto alle Artificerie Almagià del virtuoso statunitense e vincitore del Grammy Glen Velez, i cui tamburi a cornice si sposeranno al canto ritmico di Loire Cotler (con la partecipazione di Paolo Rossetti e Francesco Savoretti), e poi alla Darsena Pop Up con Percussion Voyager, altra notte di pulsazioni - in salsa dance floor - firmate da Matteo Scaioli e Maurizio Rizzuto.

Le 100 percussioni non può che concludersi con una festa di suoni: inseguendo i timbri di strumenti che arrivano da ogni latitudine, sommando battito su battito, groove su groove per un’unica, densa, vibrante pulsazione di cui traboccherà la notte, una grande orchestra di sole percussioni sarà la star di sabato 15 giugno al Pala De André. Tamburi nella notte è infatti anche il titolo, di suggestione brechtiana, della nuovissima composizione commissionata dal Festival a Michele Tadini, già autore del brano che ha coronato l’avventura delle 100 chitarre elettriche nella passata edizione. Per formare questo vasto organismo sonoro, le cui dimensioni non hanno precedenti nella storia della musica, il Festival ha lanciato una chiamata rivolta ad avventurosi esecutori che vogliano mettersi in gioco per confrontarsi con tanti altri musicisti e con la prima mondiale della composizione di Tadini (domande entro il 13 maggio, www.ravennafestival.org). Si cercano percussionisti classici, percussionisti di tamburi a cornice, percussionisti di tamburi africani, cajon e metallofoni (gamelan) per “un lungo viaggio dentro e intorno allo strumento più antico del mondo,” nelle parole di Tadini: “avremo da un lato l’ammirazione estatica per il timbro e del ciclo ritmico ripetitivo e dall’altra lo sfogo violento, deflagrante. Tempo circolare / Tempo lineare. Rito e rottura. Ipnosi e movimento. Stasi e danza. Buon viaggio”.
 

Biglietti
Posto unico non numerato € 12 intero- 10 ridotto (posto in piedi alla Darsena Pop Up)
Concerto finale posto unico € 15 intero - 12 ridotto
Carnet 100 percussioni € 60

Info e prevendite
Biglietteria Ravenna Festival – Tel. 0544 249244 – ravennafestival.org

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.