14 aprile 2019 - Ravenna, Economia & Lavoro

“A Cervia le dune cominciano a scomparire, a Ravenna no”

L’interrogazione di Ancisi (LpR) a De Pascale

Dune di sabbia sulle spiagge ravennati

Riportiamo di seguito l’interrogazione posta da Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna al sindaco Michele de Pascale con la quale gli viene chiesto di poter anticipare l’autorizzazione allo sbancamento delle dune sul litorale ravennate.

Il motivo di tale interrogazione risiede nel fatto che dal giorno dell’autorizzazione a quello dell’effettiva scomparsa delle dune situate fra il mare e gli stabilimenti balneari (per proteggere dalle mareggiate) può passare del tempo in quanto si tratta di lavori che si prolungano nelle diverse giornate, impendendo quindi un maggior afflusso negli stabilimenti balneari che, in vista dell’arrivo della stagione e soprattutto dell’incombente Pasqua, possono ritrovarsi penalizzati in questi giorni di “prima apertura”.

Ancisi pone l'esempio di Cervia, dove l'autorizzazione per la rimozione delle dune è arrivata prima che a Ravenna permettendo di cominciare i lavori in anticipo. 

L’interrogazione

“È stata segnalata a Lista per Ravenna, in occasione dell’incombente avvio della stagione balneare, un’incongruenza riguardante la rimozione, nel periodo primaverile, delle dune di sabbia che in autunno sono state poste dagli stabilimenti balneari per proteggere l’area di propria concessione dalle mareggiate. L’uso del litorale marittimo sull’intera costa dell’Emilia-Romagna è sottoposto senza distinzioni all’ordinamento della Regione Emilia-Romagna. Ciononostante, succede da alcuni anni che l’autorizzazione ad effettuare tali lavori viene data, nei comuni di Ravenna e di Cervia, con diversa non lieve decorrenza. Quest’anno la differenza, a quanto ci è stato riferito, è stata di due settimane: il 25 marzo a Cervia, l’8 aprile a Ravenna.

Rimuovere queste dune richiede una notevole e prolungata mole di lavoro. Ne dipende in qualche maniera anche la ripresa delle attività negli stabilimenti balneari. Una dorsale di sabbia che si erge davanti a loro, impedendo la visibilità del mare e riducendo ed ostacolando l’uso della spiaggia e la circolazione, non è infatti gradita ai potenziali utenti. Dalla tempestiva rimozione delle dune nel periodo primaverile dipende dunque l’avvio della stagione balneare nel nostro litorale, specialmente nel periodo della Pasqua, che, se quest’anno giunge piuttosto avanti, il 21 aprile, arriverà il 12 nel 2020 e il 4 nel 2021. Un avvio dei lavori ritardato, anche solo di una o due settimane, mette maggiore pressione ai titolari degli stabilimenti balneari e all’andamento delle operazioni. Sta di fatto che, se e quando i bagnini ravennati decidono di aprire il loro stabilimento, possono trovarsi di fronte le dune, mentre i cugini cervesi, magari lì accanto, hanno già la spiaggia in ordine da giorni.

Fermo restando che l’autorizzazione allo sbancamento delle dune consente, ma non obbliga, di iniziare i lavori dal giorno indicato, per cui ogni bagnino può decidere in autonomia quando avviarli e come organizzarli, anche a scaglioni, potendo tener conto del tempo, delle previsioni climatiche e di ogni altro fattore che ritenga degno di considerazione, sembra opportuno che in futuro la data di decorrenza dell’autorizzazione stessa sia uniforme almeno per entrambi i confinanti Comuni della provincia di Ravenna.

Si chiede dunque al sindaco di Ravenna, nonché presidente della Provincia, se e come intende attivarsi in tal senso, fornendo anche le spiegazioni e le considerazioni che ritenga utile dover esprimere oltre le limitate informazioni di cui il consigliere interrogante dispone”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.