14 aprile 2019 - Ravenna, Cronaca

“Degrado stradale in via Maggiore ed in tutta Ravenna”

La denuncia de Il Circolo Popolo della Famiglia di Ravenna

Asfalto pericoloso e cartelli “Degrado da radici”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa inviatoci da Il Circolo Popolo della Famiglia di Ravenna con il quale denunciano il degrado del manto stradale che interessa via Maggiore e molte altre strade della città costituendosi pericolo per tutti: automobilisti, motociclisti, ciclisti e pedoni, specialmente per quanto riguarda le categorie a rischio.

Con le seguenti parole si sottolineano specialmente le ripercussioni della mancata manutenzione dell’asfalto e la sostituzione dei lavori necessari per la sicurezza stradale con gli ormai noti cartelli riportanti la scritta “degrado da radici”, con i quali l’Amministrazione Comunale è accusata, nel comunicato che segue, di non farsi carico di alcuni dei suoi doveri e di “scaricare” la responsabilità di eventuali infortuni sui diretti cittadini.

“Degrado stradale in via Maggiore ed in tutta Ravenna”

“A distanza di quasi un anno dai precedenti comunicati stampa, Il Circolo Popolo della Famiglia di Ravenna denuncia l’aggravarsi, ormai insostenibile, del degrado dell’asfalto delle carreggiate, delle sottostrade e dei marciapiedi di Via Maggiore e di tante altre strade della città che l’Amministrazione Comunale ha ritenuto sufficiente segnalare mediante cartelli con la scritta “Degrado da radici”, invece di provvedere ad urgenti lavori di ripristino del manto stradale.

Il cittadino risulta, in tal modo, costretto, sia a piedi che in bicicletta e anche in auto, ad una continua gincana per evitare buche e avvallamenti e ad essere solo lui responsabile diretto di eventuali incidenti e cadute e relativi infortuni. La pericolosità dei percorsi pedonali si evidenzia in particolare per anziani e portatori di handicap.

Via Maggiore è presa come esempio di un diffuso degrado presente in tutta la città. È evidente che il Comune di Ravenna, come Pilato, se ne vuole lavare le mani. Considerato quanto sopra indicato e che tale soluzione è stata estesa ed adottata ovunque, dubitiamo fortemente della legalità della stessa. Vi è, infatti, un evidente spreco di denaro pubblico sottratto a quegli interventi di ripristino e manutenzione che solo possono essere considerati risolutivi. Non siamo i soli a denunciare tale situazione. Già altre fonti e segnalazioni di privati cittadini hanno criticato fortemente la collocazione di tali cartelli.

Il Popolo della Famiglia chiede all’Amministrazione Comunale urgentissime assicurazioni in merito, sollecitandola fortemente a prendere i necessari ed ormai indifferibili provvedimenti per una concreta e reale soluzione dei problemi inerenti la circolazione veicolare e pedonale, senza aggirare le problematiche con interventi che hanno il sapore di una presa in giro della cittadinanza chiamata a pagare di tasca propria”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.