16 aprile 2019 - Ravenna, Spettacoli

La trasformazione del mercato del lavoro all’Almagià con “Vite da niente. Cronache dell'economia digitale”

L'ultimo rapporto INPS conta circa 750mila lavoratori impiegati nella gig economy

Debutta domani, mercoledì 17 aprile, e dopodomani, alle ore 21, all’Almagià, con ingresso libero, lo spettacolo teatrale “Vite da niente. Cronache dell'economia digitale”, scritto da Iacopo Gardelli e diretto da Lorenzo Carpinelli, che racconta la trasformazione del mercato del lavoro al tempo dell'economia digitale. Le musiche originali, eseguite dal vivo, sono state composte da Giacomo D'Attorre e Francesco Lima, conosciuti anche come Clever Square.

Nata come strumento per arrotondare gli stipendi sempre più magri dopo la grande crisi economica del 2008, la gig economy è oggi una realtà lavorativa per migliaia di persone in tutta Italia. L'ultimo rapporto INPS conta circa 750mila lavoratori impiegati dalle cosiddette “piattaforme”, strutture digitali capaci, grazie alla loro immensa potenza di calcolo, di abbinare la domanda e l'offerta lavorativa a livello planetario. È solo l'inizio di una nuova epoca, quella del capitalismo digitale, che rischia di erodere i diritti conquistati in anni di lotte politiche e sindacali.

La presentazione degli autori

“Cesare Zavattini, in Umberto D., scriveva che ‘certe cose accadono perché non si sa la grammatica’ – spiegano gli autori –. Questo spettacolo nasce per aprire gli occhi ai distratti e per ricordare alle nuove generazioni, analfabete dei propri diritti, questo monito. I più pessimisti dicevano che, con la rivoluzione informatica, i lavori come li conoscevamo sarebbero scomparsi. I più ottimisti ribattevano che ci saremmo arricchiti lavorando di meno. Avevano torto, tutti: il lavoro non è scomparso, anzi, è aumentato. Ma non ci siamo arricchiti. ‘Vite da niente’ ricorre agli strumenti del teatro per raccontare una trasformazione già avvenuta. Rappresenta sulla scena vite anonime, metafore del precariato contemporaneo e racconta avvenimenti verosimili – realmente accaduti, ma in modi diversi”.

Il progetto regionale

Prodotto nell'ambito di un progetto regionale dedicato al tema della legalità, in collaborazione con l'assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Ravenna, lo spettacolo vede la partecipazione di 13 attori non professionisti, quasi tutti studenti universitari del campus ravennate.

Tag: almagià

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.