17 aprile 2019 - Ravenna, Cronaca, Economia & Lavoro

Sindacati di Polizia, presidio in Piazza del Popolo per protestare contro il Governo

I lavoratori lamentano il mancato rinnovo del contratto

Hanno manifestato questa mattina, mercoledì 17, alle 12.30, in Piazza del Popolo, i sindacati di Polizia di Stato e Polizia Penitenziaria, Silp Cgil e Fp Cgil di Ravenna, per protestare contro il Governo, colpevole secondo i lavoratori di non aver mantenuto le promesse relative al rinnovo contrattuale. Il presidio si colloca all’interno di una mobilitazione a livello nazionale.

“Protestiamo contro il Governo che non ha mantenuto le promesse”

“Il contratto di lavoro, per quel che attiene la parte economica – commenta il sindacato - è scaduto da ormai 4 mesi. La coda contrattuale e la parte normativa relative al vecchio accordo non interessano evidentemente al governo che, ancora, non ci convoca. Una inerzia e un paradosso inaccettabili che mortificano le lavoratrici e i lavoratori della Polizia di Stato e della Polizia Penitenziaria, i quali ad aprile dovranno accontentarsi degli spiccioli relativi alla vacanza contrattuale. Per questo abbiamo deciso di avviare un percorso di mobilitazione in tutti gli uffici della Polizia di Stato e della Polizia Penitenziaria per sensibilizzare, oltre alla categoria, l’intera società civile. Non ci stiamo ad essere prigionieri di un uso propagandistico della sicurezza per fini elettorali. Il lavoro prezioso che viene svolto quotidianamente a tutela dei cittadini e delle istituzioni merita di essere valorizzato nelle condizioni di vita, di lavoro e nel riconoscimento economico. Solo il rinnovo del contratto può restituire agli operatori di Polizia piena dignità”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.