5 maggio 2019 - Ravenna, Cronaca, Politica

Polemica a Ravenna sulle prove Invalsi, SGB: “Alcuni Dirigenti Scolastici negano il diritto di sciopero”

Arriva da una nota di SGB Scuola la denuncia nei confronti di alcuni Dirigenti Scolastici del ravennate che, secondo quanto riportato dal sindacato, malgrado la nota del MIUR e i chiarimenti forniti da SGB, tenterebbero di impedire l’esercizio del diritto di sciopero, in questo caso relativo alle prove Invalsi, dei docenti.

“Con una circolare, a firma di questi Dirigenti – riporta SGB –, in molte scuole di Ravenna i docenti che intendevano aderire allo sciopero sono stati minacciati di sanzioni disciplinari. Circolare che non è stata ritirata neanche dopo la diffida inviata da SGB. A causa di questa Circolare molti docenti hanno deciso di non aderire allo sciopero per non rischiare di essere sanzionati”.

Secondo il sindacato, quindi, “da parte di molti Dirigenti Scolastici di Ravenna c’è stata un’evidente condotta antisindacale, tesa ad impedire l’esercizio del diritto di sciopero”.

SGB parla comunque di “adesione massiccia allo sciopero della somministrazione delle prove Invalsi, un sistema di valutazione considerato oramai obsoleto e da superare proprio negli USA, dove era maggiormente diffuso e che l’Italia, invece, continua ad esaltare (dalla scuola primaria all'Esame di Stato)”.

“Se i Dirigenti Scolastici non ritireranno le loro circolari – conclude il Sindacato Generale di Base – promuoveremo le necessarie iniziative sindacali. Per ora, se non arriverà alcun riscontro dai Dirigenti, invitiamo tutti i nostri iscritti a portare solidarietà ai docenti per il diritto di sciopero, presidiando le scuole di Ravenna nella giornata di sabato 12 maggio”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.