28 maggio 2019 - Ravenna, Cultura, Eventi

Un viaggio nel tempo verso le origini del fascismo con gli storici Andrea Baravelli e Alessandro Luparini

Mercoledì 29 maggio

1919 Alle Origini del Fascismo

Uno sguardo storico sulle origini e la nascita del fascismo, a cento anni dalla costituzione del primo fascio di combattimento a Piazza S. Sepolcro.

Gli storici Andrea Baravelli e Alessandro Luparini ripercorreranno, sulla scorta di documentazione d’epoca, le vicende che, dopo la conclusione del primo conflitto mondiale, portarono l’ex leader socialista Benito Mussolini a fondare il movimento fascista.

Il libro Arditismo Civile scritto dal Ravennate Ferruccio Vecchi che presiedette la riunione di fondazione del fascismo nel marzL'incontro si terrà mercoledì 29 maggio alle ore 19 presso il Salone dei Mosaici a Ravenna. 

Il fascismo, il contesto nazionale e il quadro locale ravennate e romagnolo

"Inizialmente nient’altro che una propaggine dell’interventismo rivoluzionario, animata per lo più da “transfughi” della sinistra estrema, il fascismo pareva destinato a dissolversi senza lasciare traccia dentro il caotico dopoguerra italiano, salvo poi, grazie a una serie di circostanze favorevoli, prendere sempre più piede segnando in modo indelebile la storia d’Italia".
I relatori prenderanno in esame tanto il contesto nazionale quanto il quadro locale ravennate e romagnolo, particolarmente significativo per la presenza di un fortissimo e radicato movimento repubblicano. 

L'evento è organizzato in collaborazione con l'Associazione Culturale Tessere del '900.

L’ingresso è libero, segue aperitivo su prenotazione: info@tesseredel900.it - 3393130423.

I Fasci di combattimento visti dal futurista Prampolini

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.