30 maggio 2019 - Ravenna, Cronaca

“Preoccupante erosione anche sull’argine destro del Montone”

L’interrogazione urgente di Alvaro Ancisi (LpR)

“Preoccupante erosione anche sull’argine destro del Montone”

Riportiamo di seguito l’interrogazione urgente che Alvaro Ancisi (LpR) pone al sindaco di Ravenna: con essa, il capogruppo di Lista per Ravenna chiede a De Pascale un urgente intervento (già richiesto nei giorni scorsi) per mettere in sicurezza l’argine destro del Montone che si trova in uno stato di erosione preoccupante, soprattutto per gli abitanti del luogo. La necessità di un massiccio rinforzo della sponda erosa è stata esplicitata anche dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale dopo aver effettuato un ulteriore sopralluogo .

San Marco, Argine destro Montone a rischio di cedimento

Al sindaco viene chiesto anche se intenda raccomandare all’Agenzia stessa la necessaria manutenzione del letto e dell’argine del fiume da ostacoli impropri, fonte di maggior pericolo per chiunque usufruisca della strada e se consideri doveroso che la polizia municipale rafforzi al massimo i controlli sul rispetto del divieto di accesso e di transito e dei limiti di velocità posti sulla via Argine Destro Montone nel tratto della frazione di San Marco.

L’interrogazione al sindaco da parte di Ancisi

“Il tratto della via Argine Destro Montone tra la chiusa di San Marco e il ponte sulla strada provinciale Godo/San Marco è altrettanto pericoloso di quello, a breve distanza e quasi parallelo, della via Argine Destro del Ronco tra Madonna dell’Albero e Gambellara. Qui, giovedì 16 maggio, nei pressi della diga di San Bartolo crollata a fine ottobre 2018, l’argine è rovinosamente franato, gettando in angoscia chi vi abita. Il giorno dopo presentai l’interrogazione urgente al sindaco, discussa in Consiglio il 21 maggio, intitolata: “Sollievo dei residenti sull’argine destro del Ronco per la riparazione del crollo, ma anche preoccupazioni”. Contemporaneamente, persone che risiedono sul suddetto via Argine Destro Montone mi avevano però palesato la seguente analoga sofferenza del loro argine, della quale il 21 maggio stesso ho riferito per iscritto al sindaco con un’interrogazione urgente a risposta immediata.

Parte ammalorata argine destro Montone (segnalata con banda bicolore)

All’altezza dei numeri civici 80 e 82, l’argine mostra da tempo preoccupanti segnali di erosione, di cui non si conosce la causa. Nell’aprile/maggio 2018, a seguito di un esposto all’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale, fu fatto un sopralluogo tecnico. Ne è tuttora testimonianza il nastro di colore bianco e rosso che fu allora appeso alle canne cresciute sul rivale per identificare il tratto d’argine corroso. Quando, nella seconda settimana di maggio, si è manifestata la preoccupante piena dei fiumi locali causata dal maltempo, questo tratto è stato risottoposto ad osservazione. Di qui la domanda dei residenti che avevo girato tal quale al sindaco: “Si deve attendere che l’erosione sia maggiore e che si allaghi chi abita lì davanti, per rinforzare l’argine?”. L’interrogazione non si è potuta discutere nel consiglio comunale del 28 maggio causa l’assenza giustificata dell’assessore all’Ambiente. Ieri la risposta si è però avuta direttamente dall’Agenzia regionale stessa, che ha compiuto un nuovo sopralluogo sul tratto dell’argine in questione, constatando (pur senza poter scendere fino alla riva del fiume) la necessità di un massiccio rinforzo della sponda erosa, simile a quello effettuato sulla sponda crollata sull’argine destro del Ronco a San Bartolo: intervento non più prorogabile oltre i meri tempi tecnici.

Chiedo dunque al sindaco, con questo secondo question time, se intende acquisire dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale ogni utile chiarimento sul progetto di rinforzo dell’argine destro del Montone da realizzare nel tratto sottoposto ad erosione, sulle modalità operative da mettere in cantiere e con quali tempi di effettuazione, comunque da sollecitare. Gli chiedo altresì di acquisire i verbali dei vari sopralluoghi compiuti sul posto ed ogni altra documentazione utile, dandomene cortesemente copia”.

“Traffico abusivo e pericoloso”

“Da quando è stata chiusa la statale Ravegnana tra Ravenna e Longana – continua il capogruppo di Lista per Ravenna -, su questa strada arginale, benché riservata ai residenti, transita ogni giorno anche un centinaio di auto, più concentrate la mattina (ore 7-8), a mezzogiorno e la sera (ore 17-19), le quali, oltre al divieto di transito, infrangono di molto il limite di velocità dei 30 km/h. Essendo la strada strettissima, il passaggio è limitato ad un’auto per volta, obbligando a difficoltose e non brevi retromarce chi è costretto a indietreggiare fino all’entrata di un’abitazione. Oltretutto, quando l’erba ai lati cresce molto (finanche a 80 centimetri) senza essere stata tagliata, la visibilità ne viene impedita. Si possono immaginare i rischi di precipitare giù dall’argine e le angosce di chi, non essendo automobilista provetto/a, deve pur uscir di casa e tornarvi. Anche di questo avevo detto al sindaco nell’interrogazione del 21 maggio.

A maggior ragione, dopo il sopralluogo di ieri dell’Agenzia regionale, gli chiedo ora se intende anche raccomandare all’Agenzia stessa la necessaria manutenzione del letto e dell’argine del fiume da ostacoli impropri, fonte di maggior pericolo; e se considera doveroso che la polizia municipale rafforzi al massimo i controlli sul rispetto del divieto di accesso e di transito e dei limiti di velocità posti sulla via Argine Destro Montone nel tratto della frazione di San Marco”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019