3 giugno 2019 - Ravenna, Cultura, Eventi

A Palazzo Rasponi in arrivo la mostra “Fabrizio De Andrè - Diamanti nascosti”

In esposizione anche un’ampia selezione di immagini di Mimmo Dabbrescia e Paolo Ruffini

Verrà inaugurata giovedì 6 giugno, alle ore 18, alla presenza di Dori Ghezzi e dei promotori dell’iniziativa, la mostra “Fabrizio De Andrè - Diamanti nascosti”, aperta a Palazzo Rasponi delle Teste fino al 30 giugno, dalle 10 alle 12 e dalle 18 alle 21.30, escluso il lunedì. L’esposizione a ingresso libero rappresenta un omaggio alla poetica e al pensiero di De André attraverso suoi oggetti d’uso comune, spartiti, strumenti musicali o copertine di lp originali autografati dal cantautore per ricordare, a vent’anni dalla sua scomparsa, l’opera artistica e il grande contributo intellettuale che ha saputo donare.

In esposizione anche un’ampia selezione di immagini di Mimmo Dabbrescia, già fotografo dell'artista nel periodo 1969-1974, e di Paolo Ruffini, che ha ritratto De Andrè e la sua band durante il tour del 1992. Una sezione è dedicata ad a una serie di opere create per questo momento speciale dagli studenti e dai docenti del liceo artistico Nervi Severini, assieme ad un omaggio degli artisti Mauro Bartolotti e Sergio Staino.

La mostra è promossa da Arci Ravenna, in collaborazione con Regione Emilia-Romagna - assessorato al Turismo e Commercio, Comune di Ravenna - assessorato alla Cultura, liceo artistico Nervi Severini, associazione Via del Campo 29, Gruppo 11 Febbraio 2019, Linearosa, Cgil Ravenna e Ageop Ricerca, Assoartisti con il patrocinio di Fondazione Fabrizio De Andrè Onlus.

Al termine del momento inaugurale, giovedì 6 giugno alle 21 in piazza Unità d’Italia, si terrà il “concerto dedica” con The Faber’s Social Club e con la partecipazione di Dori Ghezzi.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.