Legacoop Romagna: l’ex Sindaco di Bagnacavallo Mario Mazzotti è il nuovo presidente

Vicepresidenti saranno Luca Panzavolta e Giorgia Gianni

Come riporta il sito web di Legacoop Romagna, Mario Mazzotti, 62 anni, è il nuovo presidente. Mazzotti, da novembre 2015 direttore generale, era già stato nominato vicepresidente in occasione del secondo congresso, svolto il 15 marzo a Cesena. Rientra nella carica di vicepresidente Luca Panzavolta, amministratore delegato di Commercianti Indipendenti Associati – Conad, che verrà affiancato in veste di vice da Giorgia Gianni, della cooperativa Fucina798 di Rimini. La direzione di Legacoop Romagna ha votato all’unanimità la proposta della presidenza, confermando allo stesso tempo il programma di lavori approvato nei documenti congressuali.

Il nuovo presidente

Mario Mazzotti, nato nel 1957, è presidente della Dister Energia di Faenza che opera nel settore delle rinnovabili ed è controllata dalla Federazione delle cooperative di Ravenna. Originario di Bagnacavallo, di cui è stato Sindaco dal 1990 al 2004, ha lavorato in Legacoop Ravenna prima di venire eletto Consigliere regionale per due mandati a partire dal 2005, durante i quali è stato componente dell’ufficio di Presidenza dell’assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna. È stato presidente dell’Associazione Intercomunale della Bassa Romagna, che ha contribuito a far nascere, e Presidente della Conferenza sociale e sanitaria della Provincia di Ravenna.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi