15 giugno 2019 - Ravenna, Cultura, Arte

Salvalarte 2019, un dialogo simbolico fra arte contemporanea e arte antica

Performance artistica itinerante per esaltare le bellezze di Ravenna

Salvalarte 2019

Continua la proposta dell’Associazione riBellArti giunta alla sua quarta edizione attraverso la campagna Salvalarte di Legambiente   per  valorizzare e rendere fruibili al grande pubblico e ai turisti che si trovano sul nostro territorio,  luoghi d’arte della nostra città.

“Apprezziamo e sosteniamo il programma di Salvalarte – afferma Elsa Signorino, assessore alla Cultura – per l’attenzione all’identità e alle espressioni artistiche di arte pubblica contemporanea del territorio. Nel contempo condividiamo l’opportunità offerta di proporle secondo un’ottica in grado di declinare antico e moderno, attraverso contaminazioni ed una trasversalità che permettono una visione ricca e coinvolgente di come sia possibile vivere l’arte nella nostra città non solo da spettatori bensì da protagonisti”.     

I due fulcri di questa edizione

Salvalarte quest’anno pone l’attenzione oltre che al “Grande Ferro R”, che è il simbolo delle edizioni di questa campagna nella città di Ravenna, sul Palazzo di Teodorico, testimonianza della Città Imperiale. In questa occasione il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha aderito alla proposta ospitando la performance all’interno del Palazzo e inserendo l’evento nella festa europea della Musica che cade il 21 giugno.

In particolare,  con una performance artistica itinerante a tappe,  si vuole avviare un dialogo simbolico fra arte contemporanea e arte antica, fra identità culturale e ricerca di nuovi linguaggi. In questa ottica,  ad aprire il percorso sarà la “Rotoballa” dell’artista Marco Bravura posta nel piazzale antistante il MAR,   il Palazzo di Teodorico sarà teatro della seconda tappa e la conclusione del nostro “viaggio”  si svolgerà al Grande Ferro R di Alberto Burri al Pala De Andrè.

La performance

“Alla ricerca della bellezza” è un viaggio in un mondo di specchi e di riflessioni da soggetto ad oggetto, da dentro a fuori, dall’ io al noi. Evocando il mito di Narciso ed Eco.

il percorso artistico ci porterà a superare il Narciso, con l’azione collettiva,  dove  l’Io si  apre al  Tu/Noi. Ognuno con la propria identità che, nell’accogliere l’altro da sé,  ne riconosce il valore e contemporaneamente riconosce sé stesso come parte di un tutto. L’arte crea l’alchimia dell’incontro…

La trasformazione attraverso l’arte è il tema della performance. In questa edizione di Sculture Sonore, teatro, musica e scultura dal vivo, si contaminano coinvolgendo il pubblico che lungo il viaggio si trasforma da spettatore ad opera d’arte ed infine in artista.

L’idea è quella di coinvolgere gli spettatori-attori in un viaggio dentro e fuori di sé, attraverso espressioni artistiche che parlino a diverse parti dell’ anima.

Programma della giornata:

Evento collegato a Salvalarte 2019

Sculture  a Palazzo Teodorico

ore 10  presso il Palazzo di Teodorico si svolgerà la presentazione delle opere di Abra Degli Esposti, che rimarranno temporaneamente installate.

Performance “Alla Ricerca della Bellezza”

I percorsi a piedi o in bicicletta sono  organizzati dal CEAS RA 21 in collaborazione con  Legambiente Circolo Matelda e Fiab e il ritrovo per tutti è alle 17,50 nello spazio antistante l'ingresso del MAR 

ore 17,50 partenza dall'area antistante il Museo d’Arte della città di Ravenna  

Performance teatrale  dal titolo  “Io allo Specchio”

si svolgerà attorno alla  “ Rotoballa” di Marco Bravura .

ore 18,30 Palazzo Teodorico - la performance prosegue  fino al monumento

Performance musicale “Il rimbalzo dell’Eco” 

L’evento è inserito nell’ambito della  giornata internazionale della musica promossa dal Ministero del Beni artistici e culturali

19,45 Arrivo al Grande Ferro R di Alberto Burri presso area del pala de Andrè

Coreografia partecipata “Onniscienza” - Performance di Scultura, musica e teatro dal vivo.  Le arti si contaminano, le creatività di ognuno degli spettatori-attori si fondono per dare vita alla performance.

Scenografie e sculture di  Abra Degli Esposti, composizione, direzione musicale e teatrale di Simone Marzocchi, con la partecipazione dei “giovani teatranti”

L'ingresso è libero

Al termine sarà offerto un buffet                              

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019