17 giugno 2019 - Ravenna, Cronaca

“Disabile ultrasettantenne in barella per 30 ore senza muoversi e mangiare al Pronto Soccorso di Ravenna”

La denuncia di un ex consigliere territoriale rilanciata da Alvaro Ancisi

Ancora polemiche sul Pronto Soccorso di Ravenna. Questa volta la denuncia sulle condizioni dei pazienti arriva da un ex consigliere territoriale del Comune, che viene rilanciata da Alvaro Ancisi con un question time.

Il racconto

Il capogruppo di LpR riporta il racconto del diretto interessato: “Venerdì 7 giugno, il nostro medico di famiglia ha rilasciato per mia madre 71enne, costretta da circa 3 mesi su una sedia a rotelle, una richiesta urgente di visita specialistica da parte del reparto malattie infettive dell’ospedale di Ravenna a causa di contaminazione da staffilococco aureo, infezione facilmente diffusiva, che può avere conseguenze particolarmente serie, anche a rischio della vita umana. L’arrivo in ospedale è avvenuto alle 11.30 del giorno stesso. La dottoressa del reparto, dopo accurata visita, decide di inviare mia madre al Pronto Soccorso, richiedendo un esame delle emocolture, una tac con metodo di contrasto, analisi del sangue e visita ortopedica. Veniamo accolti al P.S. alle 12:47 con codice verde”.

“L’odissea comincia da quest’ora – prosegue il racconto –. Mia madre viene rimbalzata da lì a vari reparti, da cui viene sempre rispedita indietro per mancanza di posti letto. Un ping pong che si conclude solo sabato pomeriggio alle 18.30 circa, quando finalmente si libera un letto nel reparto malattie infettive, dove mia madre viene ricoverata 30 ore dopo l’arrivo in ospedale. Per tutto questo tempo, una paziente ultrasettantenne, non in grado di deambulare e che non dovrebbe essere sottoposta a stress fisico o psichico per via di un intervento chirurgico subìto circa tre settimane prima, è rimasta depositata, immobile, su una barella, senza mangiare (perché doveva fare la Tac) e senza l’offerta di un bicchier d’acqua. Il tempo passato non è servito neppure perché fossero effettuata la Tac e l’analisi microcolturale richieste da vari medici”.

“Ho deciso di rendere pubblica questa disavventura patita dalla mia famiglia – spiega l’ex consigliere territoriale –, perché spero che non succeda mai più a nessun altro. Non pretendo certo di ricevere le scuse da parte dell’AUSL o da chi prende le decisioni in Regione, ma le scuse dovrebbero essere rivolte soprattutto al personale ospedaliero: medici, infermieri, operatori socio-sanitari, ecc., che quotidianamente lavorano in condizioni organizzative e strutturali pessime. Non so di preciso cosa sia successo, ma sicuramente il livello del servizio sanitario è ad oggi in condizioni pietose. Penso che non sia più il momento di infilare la testa sotto la sabbia, ma quello di chiamare le cose con il loro nome: malfunzionamenti di un sistema destinato inevitabilmente al collasso”.

L’interrogazione di Lista per Ravenna

“Il tema è ben presente a Lista per Ravenna”, afferma Ancisi, che incalza: “È tuttora sospesa, dal 5 aprile scorso, in attesa di risposta (che sarebbe dovuta arrivare, per norma di legge, entro 30 giorni), l’interrogazione che, per iniziativa di Gianfranco Spadoni e Gianluca Benzoni, ho rivolto al sindaco sulle ‘Malattie del pronto soccorso’. Elogiando ‘l’attività dei professionisti, impegnati a fronteggiare l’emergenza continua con ritmi pressanti’, bensì contestando ‘gli aspetti logistici indecorosi, il comfort impossibile e le attese eccessive, come pure la mancata osservanza della privacy, soprattutto nel caso che le persone in barella, obbligate ad attese estenuanti, debbano espletare funzioni fisiologiche’, l’interrogazione ne ha esposto le cause strutturali e indicato anche i rimedi, chiedendo infine al sindaco, quale membro della Conferenza socio-sanitaria, organo di indirizzo e di controllo politico-amministrative dell’AUSL Romagna, ‘come intende operare per guarire il pronto soccorso della nostra città’”.

“Oggi – conclude Ancisi – gli avanzo questa sola domanda: come valuta, oltre il limite del fatto particolare, il caso estremo qui sopra esposto, affinché ‘non succeda mai più a nessun altro’?”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.