18 giugno 2019 - Ravenna, Cronaca

“Via Mazzini sequestrata da nomadi, servono azioni preventive e correttive”

L’appello di Donati (LpR) alla polizia locale

In difficoltà gli esercenti di via Mazzini

Riportiamo di seguito l’appello che Stefano Donati (capogruppo di Lista per Ravenna nel consiglio del Centro urbano) rivolge alla polizia locale con il quale chiede misure preventive e correttive che regolino la situazione in via Mazzini, nel cuore del centro storico della città.

Donati riporta le lamentele di molti commercianti che stanno denunciando come la presenza di individui alla ricerca di carità da passanti ed esercenti, stia minando il futuro delle attività, aggravando una situazione divenuta critica anche a seguito della presenza di soggetti che, professandosi sordomuti, invitavano i passanti a sottoscrivere una raccolta firme per la ricerca di donazioni e quindi allontanando coloro che vogliono passeggiare nella totale quiete soffermandosi a guardare la merce esposta nelle vetrine dei negozi.

Inoltre, alcuni individui, avrebbero cercato di entrate all’interno di un’attività commerciale situata nella suddetta via insistendo particolarmente: solo grazie all’intervento di altri esercenti si è riusciti ad evitare ciò.

L’appello di Donati

“Secondo diverse segnalazioni da parte degli esercenti, da circa una settimana la centrale via Mazzini è stata scelta come meta di un turismo non proprio gradito.

Alcuni nomadi presidiano da diversi giorni la via, molestando ripetutamente sia i commercianti che i passanti.

Le continue richieste di denaro hanno assunto toni piuttosto aggressivi e, con prepotenza, si cerca spesso di prendere la vittima per sfinimento.

Si segnala in particolare un episodio che ha riguardato uno degli esercenti, avvenuto nella giornata di venerdì, quando il gruppetto ha cercato di entrare con forza all’interno della sua attività commerciale, nonostante il titolare si fosse frapposto tra i soggetti e il suo locale. Considerando la vitalità con la quale i nomadi cercavano di penetrare all’interno, il commerciante è stato costretto a gridare per chiedere aiuto e solo grazie alla presenza dei passanti e di altri esercenti, che sono prontamente usciti in strada, si è evitato probabilmente un episodio dai contorni incerti.

Alcuni esercenti hanno peraltro segnalato come le richieste di denaro partano dai classici ‘pochi spicci’, fino a toccare sfacciatamente anche le 10 euro. La via Mazzini, pur all’interno del centro storico, non risente certo del flusso di turisti e passanti alla pari delle altre vie maggiormente frequentate, e non è un segreto che alcune attività stiano attraversando da anni non poche difficoltà per sostenersi. Da tempo sono presenti alcuni soggetti che, professandosi ‘sordomuti’, si avvicinano ai clienti invitandoli a sottoscrivere una fantomatica raccolta firme per la ricerca di donazioni, e che da soli sarebbero sufficienti ad allontanare molti dei passanti. Se a questi, ora si aggiungono anche gruppi di nomadi che provocano letteralmente l’allontanamento di coloro che sono realmente interessati alla merce in vetrina, ecco che la situazione diventa esplosiva.

Quanto riportato è stato da me segnalato, nella giornata di lunedì 17 giugno, anche al Comandante della Polizia Locale, al quale rinnovo l’appello per attuare le giuste azioni preventive (e correttive) che possano essere in grado di disincentivare il fenomeno”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.