20 giugno 2019 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

"Basta Buche", buone notizie per l'Adriatica, la Romea, la Tosco Romagnola e l'E45

In arrivo i fondi per la loro manutenzione

"Basta Buche"

Venti milioni di euro per la manutenzione delle strade della nostra regione. È quanto ha previsto l’ANAS attraverso l’individuazione di nuove gare di appalto che in questi giorni sono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale.

Gli investimenti rientrano nella nuova tranche del piano "Basta Buche" composto da 76 bandi per 380 milioni di euro complessivi sull’intero territorio nazionale. Il piano, arrivato alla sesta tranche, ha consentito finora il risanamento della pavimentazione di circa 20.000 km di corsie stradali in Italia, per un valore superiore a 1,5 miliardi di euro.

"Nel dettaglio sono 4 i bandi di gara che riguardano l’EmiliaRomagna e sono relativi ai corrispettivi centri manutentori, del valore di 5 milioni di euro per ciascuna Area Compartimentale – spiegano i consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle Andrea Bertani e Raffaella Sensoli, oltre al senatore Marco Croatti e al deputato Carlo De Girolamo – Grazie a questi fondi si potrà dare il via ad interventi che prevedono l’esecuzione di lavori di manutenzione delle pavimentazioni e della relativa segnaletica orizzontale in molte realtà della nostra regione, dando così attuazione a ciò che fino ad oggi è mancata, ovvero la manutenzione delle strade”.

L’iter per l’affidamento è attivato mediante la procedura di Accordo Quadro, di durata quadriennale, che garantisce la possibilità di eseguire i lavori con tempestività nel momento in cui si manifesta il bisogno, senza dover espletare una nuova gara di appalto, consentendo quindi risparmio di tempo e maggiore efficienza.

"La manutenzione è la prima grande e vera opera di cui ha bisogno l'Italia ed è una delle priorità di questo Governo, e in particolare del MoVimento 5 Stelle – concludono gli esponenti del MoVimento 5 Stelle - Sostenere e incentivare ogni azione di riqualificazione dell'esistente diventa di fondamentale importanza perché per troppo tempo questo aspetto è stato abbandonato e non curato dai precedenti Governi".

Le strade interessate

Di seguito l’elenco delle strade interessate dai lavori suddivisi per province:

  • Provincia di Ravenna

SS16 Adriatica, dal confine con Ferrara al confine con Forlì-Cesena (Cesenatico) compresa la tangenziale di Ravenna

SS309 Romea e SS309 dir, da Ravenna al confine con Ferrara (Comacchio)

SS3bis (E45), da Ravenna al confine con Forlì-Cesena

SS9 via Emilia, dal confine con Bologna (Imola) al confine con Forlì

SS67 Tosco-Romagnola, dal confine con Forlì a Marina di Ravenna

  • Provincia di Forlì-Cesena

SS16 Adriatica, dal dal confine con Ravenna (Cervia) a al confine con Rimini

SS9 via Emilia, dal confine con Ravenna (Faenza) al confine con Rimini (Santarcangelo)

SS726 Secante di Cesena

SS3bis (E45), dal confine con Ravenna al confine con Forlì-Cesena

SS67 Tosco-Romagnola, dal confine con la Toscana al confine con Ravenna

SS727 Tangenziale di Forlì

  • Provincia di Rimini

SS9 via Emilia, fino al confine con la provincia di Forlì-Cesena

SS72 Statale di San Marino

SS16 Adriatica, dal confine con Forlì-Cesena (San Mauro) al confine con le March

  • Provincia di Ferrara

RA08 Raccordo autostradale Ferrara-Mare

SS16 Adriatica e variante, dal confine con il Veneto al confine con Ravenna,

SS723 Tangenziale ovest di Ferrara

SS309 Romea, dal confine con il Veneto al confine con Ravenna

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.