Emilia-Romagna. Schizzano alle stelle i costi delle polizze auto, Ravenna la seconda più cara

In città l’aumento è del 36,56%

L’indagine sulle polizze auto

Impennata dei costi Rc auto in Emilia Romagna: nel 2019 le polizze auto hanno subito un aumento del 20,96%. Se nel 2018 in media agli automobilisti residenti sul territorio bastavano 442 euro per stipulare una polizza base, nell'ultimo anno sono necessari almeno 535 euro. La provincia in assoluto più costosa è Rimini, subito dopo troviamo Ravenna. Mentre la più economica sul versante assicurativo si rivela Parma. A tracciare la mappa dei rincari è l'ultima indagine SosTariffe.it che ha analizzato provincia per provincia l'evoluzione dei prezzi medi RC auto nella regione Emilia-Romagna, confrontando le tariffe degli ultimi due anni.

Assicurazioni auto Emilia Romagna

Nel 2019 maglia nera a Rimini, mentre si risparmia a Parma

Lo studio di SosTariffe.it è stato svolto a luglio 2019 sulla base dei preventivi rilasciati agli utenti emiliano -romagnoli dal comparatore Rc auto. L'Osservatorio ha esaminato i costi medi della sola polizza Rc, priva di garanzie accessorie. Ne è emerso che durante i primi sette mesi del 2019, i costi medi delle assicurazioni auto in Emilia Romagna hanno risentito di un rincaro notevole (+20, 96%), crescendo da una media di 442 euro a 535.

Chi deve mettere mani al portafogli più di tutti sono i guidatori riminesi. La nota località balneare si colloca infatti sul podio degli aumenti. I prezzi anche nel 2019 superano la media regionale, attestandosi sui 605 euro. Rispetto allo scorso anno le tariffe sono salite del 16,95%. Nel 2018 infatti, i riminesi se la cavavano con 517 euro. Dalla provincia di Rimini sono giunte il 7, 64% di richieste di preventivi, rispetto al totale regionale, nel corso del 2019 e il 7,49%, durante lo scorso anno.

Parma è la provincia invece con i prezzi Rc auto più bassi rispetto al resto della regione. In media 478 euro nel corso del 2019. Tuttavia, intendiamoci, anche i guidatori parmensi risentono di aumenti (più 18,12%) rispetto al 2018, quando bastavano 405 euro per assicurare per un anno intero la propria vettura. Tuttavia le cifre rispetto al resto della regione appaiono comunque moderate. Da Parma e provincia sono stati richiesti il 7,62% di preventivi nel corso di quest'anno, e l'8,06% di preventivi nel 2018.

Nel 2019 pagano di più anche Ravenna e Bologna. Prezzi alle stelle a Piacenza

Le altre province dell’Emilia – Romagna nel corso dell'ultimo anno hanno risentito di rincari, ma in percentuali diverse. Subito dopo Rimini, a sborsare di più per assicurare la propria auto sono gli abitanti di Ravenna, costretti a spendere quest'anno 594 euro, a fronte dei 'soli' 435 del 2018 (un aumento enorme, il secondo più alto in generale nel corso dell'ultimo biennio, pari al 36,56% in più). Gli automobilisti nella zona hanno richiesto l'8,14% di preventivi nel corso del 2019, e il 7,99% nel 2018. A seguire troviamo Bologna. La città delle due torri pur essendo il capoluogo di regione non si distingue per i prezzi più alti in assoluto. I bolognesi possono guidare nel corso del 2019 pagando in media 565 euro di Rc auto, mentre nel 2018 ne versavano circa 477 (pari al 18,39% in più). È da qui che provengono la maggior parte delle richieste regionali di preventivi al comparatore Rc auto di SosTariffe.it (il 31% nel 2019, e il 32,38% nel 2018). Appena più bassi i prezzi a Piacenza, la quale si distingue tuttavia come la località con i maggiori rincari in assoluto nell'ultimo biennio in tutta la regione Emilia Romagna (+46,20%). I piacentini infatti quest'anno pagano in media 556 euro di assicurazione auto, mentre nel 2018 potevano cavarsela con soli 380 euro.

Aumenti contenuti a Reggio Emilia e Forlì - Cesena

Dal 2018 a oggi tutte le province dell'Emilia Romagna sono state colpite, indifferentemente dagli aumenti. Tuttavia in alcune, i prezzi restano tutto sommato ancora accessibili. Reggio Emilia ad esempio ha registrato rincari solo del 10,82%. Qui quest'anno sono necessari 527 euro per assicurare il proprio veicolo, nel 2018 nel servivano 475. Da Reggio Emilia provengono una quota abbastanza bassa di richieste di preventivi (9,95% nel 2019 e 7,76 % nel 2018).
Riescono a spendere ancora meno i residenti a Forlì - Cesena: in media 505 euro quest'anno, il 15,65% in più del 2018, quando ne bastavano 437. Qui tutto sommato si ricorre poco alla comparazione online, con il 7,5 % di richieste di preventivi nel 2019, e il 7,27% nel 2018.

Dopo Parma, Modena e Ferrara le province più economiche del 2019

Sono due le province con i prezzi più bassi di tutta la regione, se si fa eccezione per la già citata Parma: Modena e Ferrara. A Modena assicurare la propria automobile con le sole tutele base costa quest'anno 492 euro. Rispetto alla media regionale si tratta di un prezzo basso, ma a ben vedere è un costo comunque maggiorato (del 20,62%) a fronte di quanto spendevano i modenesi nel 2018, ovvero 408 euro. I prezzi contenuti sono una notizia nel complesso positiva se si considera che Modena, subito dopo Bologna, è la provincia che richiede più preventivi (14,97% nel 2019 e 15,28% nel 2018). Infine troviamo Ferrara, che nonostante gli aumenti (+10,42%) nel 2019 conserva un prezzo assicurativo basso rispetto alla media regionale, pari a 489 euro, a fronte dei 443 dello scorso anno. A Ferrara si richiedono pochissimi preventivi online (6,54% di richieste nel 2019 e 6,55% nel 2018).

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.