11 luglio 2019 - Ravenna, Cronaca, Sanità

“Campus universitario di medicina a Ravenna? Harakiri di De Pascale”

Le parole di Ancisi (LpR)

Sulla candidatura dell’ospedale di Ravenna a campus universitario di Medicina e Chirurgia

Pubblichiamo il comunicato stampa inviatoci da Alvaro Ancisi a proposito della candidatura dell’ospedale Santa Maria delle Croci a campus universitario di Medicina e Chirurgia.

Ciò che il capogruppo di Lista per Ravenna intende sottolineare è, a suo parere, il carattere impulsivo dell’annuncio, contrastato anche dal nuovo sindaco di Forlì, Gianluca Zattini, il quale ha affermato: “Crediamo quindi che quella di De Pascale sia una precipitosa fuga in avanti”.

Le parole di Ancisi (LpR)

“Giovedì 27 giugno, durante la presentazione dei tre nuovi primari nominati a gennaio nell’ospedale pubblico di Ravenna, nel quale è previsto anche l’ingresso dell'Università di Bologna, il sindaco di De Pascale ha annunciato la candidatura dell’ospedale stesso a campus universitario di Medicina e Chirurgia, quasi un ‘Sant’Orsola della Romagna’. Ha aggiunto che ‘Il Santa Maria delle Croci ha una parte strutturale che la rende una delle migliori, più avanzate e moderne strutture ospedaliere della Regione’, spiegando poi che ‘di recente si è riaperta la discussione sull'ampliamento dei posti al corso di laurea di Medicina e Chirurgia’, legittimando l’idea ‘di portare in Romagna questo ampliamento, anche se naturalmente è una decisione che va presa insieme a tutti gli altri territori della Romagna’.

L’annuncio si è mostrato infelice, avendo provocato l’immediata reazione del nuovo sindaco di Forlì, Gianluca Zattini: ‘Ritengo che il campus universitario di Forlì sia l'unico, in Romagna, ad avere tutte le carte in regola per accogliere e sviluppare la facoltà di medicina…Forte anche del contributo scientifico e di ricerca dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) di Meldola, dell’offerta didattica e degli investimenti in corso per ampliare ulteriormente il campus, è il candidato per eccellenza ad ospitare il corso di laurea di Medicina e Chirurgia. Crediamo quindi che quella di De Pascale sia una precipitosa fuga in avanti. Questa città gode della professionalità e dell'esperienza di decine di medici e ricercatori che non possono che arricchire la qualità della didattica e che sono il primo tassello per fare di Forlì il vero Sant’Orsola della Romagna’.

De Pascale aveva affermato, a motivazione della sua ‘idea’, che in Romagna ‘siamo il Campus che ha meno studenti’, condizione di cui in verità, spesso celebrandone entusiasticamente gli sviluppi, ci si dimentica, invece che recitare il mea culpa. Altrettanto giustamente ha poi detto che ‘in una logica di riequilibrio ci sta’. Ma le ragioni di Ravenna devono essere discusse prima con le altre città della Romagna, tra cui Forlì è ora diversa anche come governo politico. Gli annunci impulsivi producono solo diffidenze e maggiori ostacoli. Gli atteggiamenti padronali sono cosa sbagliata in qualsiasi realtà democratica, a partire dalla propria, ma sono devastanti in casa d’altri”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019