17 luglio 2019 - Ravenna, Economia & Lavoro, Politica

Approvato l’ampliamento del supermercato tra via Antica Milizia e via Stradone

Dal consiglio comunale ok alla modifica al Poc 2010/2015

È stato approvato nella seduta di ieri, martedì 16 luglio, del consiglio comunale, la variante al Poc 2010/2015 per consentire l’ampliamento del supermercato Conad tra via Antica Milizia e via Stradone. Delibera approvata con 18 voti favorevoli (gruppi di maggioranza) e 10 voti contrari (CambieRà, Forza Italia, La Pigna, Lega nord, Lista per Ravenna, gruppo Misto).

La delibera, illustrata dall’assessora all’Urbanistica Federica Del Conte, era stata già osteggiata pubblicamente da Alvaro Ancisi (LpR) nei giorni scorsi e riguarda la modifica delle tipologie commerciali ammesse: si conferma la medio-grande struttura di vendita non alimentare (fino a 2.500 metri quadri) e si propone una medio-grande struttura alimentare in luogo della medio-piccola (fino a 1.500 metri quadri). Rimane invariata l'articolazione tra superficie a destinazione residenziale e superficie commerciale.

La modifica riguarda un progetto in fase avanzata e si riferisce solo all'aumento della superficie di vendita della struttura alimentare e la variante prevede che la proprietà si faccia carico della realizzazione della pista ciclabile di collegamento tra via Don Carlo Sala e via Romea Sud (già presentato il progetto preliminare-definitivo) e della sistemazione di via Stradone (già presentato il progetto preliminare), dalla via Canale Molinetto all’ innesto su viale Europa, con la realizzazione di pista ciclabile lungo tutto il tracciato, realizzazione dell’innesto tra via Levi e via Stradone, contributo alla realizzazione dell’innesto tra via Antica Milizia e via Stradone, adeguamento del ponte carrabile sul canale Lama e realizzazione di un collegamento ciclopedonale fino alla pista ciclabile di viale Europa.

Sono intervenuti: Marco Maiolini (gruppo Misto), Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna), Rosanna Biondi (Lega nord), Marco Turchetti (Pd), Emanuele Panizza (gruppo Misto).

Il gruppo Misto ha fatto presente la propria contrarietà e affermato che il progetto, avviato nel 1993, ha avuto, a suo avviso, tutto il tempo per essere bloccato.

Il gruppo Lista per Ravenna si è detto, tra le altre cose, contrario all’ aumento di superficie commerciale in una zona già servita e al principio insito nello “scambio” tra variante e servizi infrastrutturali di competenza del Comune.

Il gruppo Lega nord ha ribadito la propria contrarietà al consumo di suolo e alla cementificazione di una zona di campagna, evidenziando che si tratta, a suo avviso, di un progetto faraonico inutile.

Il gruppo Pd ha detto trattarsi di un dibattito già affrontato  e di un iter tecnicamente impossibile da bloccare. Ha confermato gli obiettivi dell’amministrazione tesi alla rigenerazione urbana e ad evitare il consumo di suolo con azioni già in essere e anche in vista della redazione del nuovo Pug.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.