22 luglio 2019 - Ravenna, Politica, Sanità

Conferenza territoriale sociale e sanitaria: il Sindaco di Ravenna Michele De Pascale è il nuovo presidente

I tre vicepresidenti sono i sindaci di Cesena, Forlì e Santarcangelo

La Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria (Ctss) della Romagna (composta dai 73 Sindaci del territorio) si è riunita nella mattinata di oggi, lunedì 22 luglio, con due importanti punti all’ordine del giorno: l’elezione del nuovo presidente e dei tre vicepresidenti ed il parere sul bilancio preventivo 2019 dell’Ausl Romagna.

Per quanto attiene al primo punto all’ordine del giorno, va premesso che il Regolamento della Conferenza prevede che, alla decadenza dal suo ruolo di sindaco, il presidente della Conferenza decada anche dalla presidenza stessa, e con lui i tre vicepresidenti. Questa mattina sono stati dunque eletti i nuovi organi. Presidente è stato eletto il sindaco di Ravenna Michele De Pascale. I tre nuovi vicepresidenti sono i sindaci di Cesena, Forlì e Santarcangeo (rispettivamente Enzo Lattuca, Gian Luca Zattini ed Alice Parma). L’elezione di tutti e quattro è avvenuta all’unanimità dei presenti, che rappresentava il 93,38 per cento della popolazione residente in Romagna.

“Il compito di questa Conferenza non è semplice – ha detto il nuovo presidente De Pascale -: noi sindaci siamo molto numerosi, in virtù delle grandi dimensioni dell’Ausl, dimensioni che contemplano anche una rilevante complessità gestionale e operativa. Ma questa grande dimensione contempla anche alcune opportunità che vanno colte e che dovremo cogliere sempre più puntualmente, dando così risposte alle esigenze quotidiane dei cittadini, sia a livello ospedaliero sia a livello territoriale e di medicina di base. A tal fine vanno indirizzate anche le economie di scala che derivano dall’unificazione, peraltro in un momento storico in cui scontiamo un sottofinanziamento del sistema sanitario nazionale da parte del livello centrale e gli effetti di una programmazione sbagliata a causa della quale si fa una grande fatica a trovare medici sul mercato del lavoro. Noi sindaci dobbiamo sempre più sentirci responsabili di tutti i servizi erogati dall’Ausl, comprese quelle grandi specializzazioni che, giustamente, sono centralizzate in un unico presidio, ma che erogano servizi a tutti i cittadini romagnoli. Per questo dovrà sempre più prevalere il principio di collegialità nelle nostre scelte che, nei prossimi 12 – 18 mesi riguarderanno questioni di grande rilevanza come ad esempio la rete oncologica romagnola, il rapporto con l’università, i piani di investimento… Altro tema importante, un dialogo con la Regione affinchè il coraggio della scelta romagnola di creare un’unica Ausl trovi riscontro anche a livello di finanziamento. Il primo messaggio che mandiamo, come nuova Ctss, è però a tutti gli oltre 15mila dipendenti di Ausl Romagna, grazie ai quali ogni giorno sono garantite le prestazioni sanitarie. Vogliamo essere accanto a loro per ascoltare e comprendere i problemi e lavorare fianco a fianco per risolverli”.

Festeggia per l’elezione il Segretario provinciale PD Ravenna, Alessandro Barattoni, che augura buon lavoro al neo-presidente: “Un grande riconoscimento e una grande responsabilità che, ne sono sicuro, svolgerà al meglio nell’interesse di tutti i romagnoli per affrontare le nuove sfide della sanità che, a 40 anni dall’entrata in vigore del sistema sanitario nazionale, deve essere allo stesso tempo universalistica, di prossimità e moderna. In particolare, rispetto alla conferenza romagnola, Michele ha la competenza e le attenzioni necessarie per analizzare ciò che funziona e induce tantissimi romagnoli a curarsi negli ospedali dell’ambito e ciò che invece va perfezionato, perché ci sono potenzialità di miglioramento dove, in alcuni casi, la percezione di operatori, personale e pazienti è critica”.

Il bilancio

Per quanto attiene al secondo punto all’ordine del giorno, il Bilancio preventivo 2019 dell'Ausl Romagna è stato a sua volta approvato a larghissima maggioranza. Si tratta di un bilancio predisposto in base alle linee di programmazione regionali, coerente con l’obiettivo di equilibrio economico finanziario (vi è un utile di circa 10mila euro) disposto dalla Regione Emilia-Romagna. In particolare, il valore della produzione previsto per il 2019 è pari a 2,38 miliardi di euro.

Tra i costi si segnalano 500 milioni per farmaci innovativi, in particolare per quelli oncologici, e 150 milioni di costi del personale dipendente. In particolare sul personale, a fine 2019 il totale dei dipendenti aziendali sarà di 15.596 con un incremento di quasi 1.100 rispetto ai 14.510 di inizio 2015 e di quasi trecento rispetto a fine 2018. Si aggiungono le stabilizzazioni, che da inizio 2015 sono state oltre mille. Complessivamente dunque, da inizio 2015 a fine 2019 (cinque anni), le politiche del personale dell’Azienda stanno portando all’assunzione o alla stabilizzazione di oltre duemila dipendenti, in modo particolare addetti alla presa in carico del paziente (medici, infermieri e altre professioni sanitarie).

Sul fronte degli investimenti, il piano 2019–2021 prevede interventi con progettazione esecutiva approvata o in corso di realizzazione per oltre 60 milioni di euro di cui: 51,9 milioni per lavori, 7,2 per attrezzature elettromedicali e 1,3 per tecnologie informatiche. Rientra invece tra gli interventi in corso di progettazione quello del nuovo ospedale di Cesena, per un valore di 156 milioni.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.