1 agosto 2019 - Ravenna, Economia & Lavoro

Cambio al timone di Coldiretti Ravenna: Assuero Zampini è il nuovo direttore

Succede a Walter Luchetta

Assuero Zampini nuovo direttore di Coldiretti Ravenna

Cambio al timone di Coldiretti Ravenna. Il bolognese Assuero Zampini, 59 anni, è il nuovo direttore della Federazione provinciale. Sposato, due figlie, Zampini ha mosso i primi passi in Coldiretti nella sua Bologna nel lontano 1980 per poi fare la prima esperienza da direttore nel 1996 alla guida della Coldiretti di Novara, Verbano Cusio e Ossola. Ha poi diretto le Federazioni di Modena, Cremona, Macerata e, da ultimo, per quattro anni, quella di Reggio Emilia.

Il neo direttore succede a Walter Luchetta che lascia dopo cinque anni per andare a ricoprire un nuovo incarico.

Nominato all’unanimità

A formalizzare all’unanimità la nomina il Consiglio direttivo della Federazione provinciale, riunitosi alla presenza di Antonio Biso, responsabile dell’area organizzazione e servizi della Confederazione Nazionale Coldiretti, del direttore di Coldiretti Emilia Romagna Marco Allaria Olivieri e del presidente provinciale Nicola Dalmonte.

Il presidente e i consiglieri hanno ringraziato il direttore uscente Luchetta per il grande e proficuo lavoro svolto e formulato i migliori auguri per il nuovo incarico al neo direttore Zampini che si è detto a disposizione per “andare da subito sul territorio al fine di confrontarsi con gli associati ed incontrare una ad una le tante realtà imprenditoriali che fanno della provincia di Ravenna uno dei motori dell’agricoltura regionale e nazionale, una zona, come risaputo, altamente vocata alla qualità delle produzioni – ha concluso Zampini – quella qualità che porteremo tutti insieme al grande Villaggio Coldiretti di Bologna a fine settembre”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.