6 agosto 2019 - Ravenna, Società

Il Comune cerca oltre 20 giovani per esperienze di volontariato: al via il bando

L’assessora Bakkali: “Un’azione divulgativa e comunicativa divenuta necessaria oggi più che mai”

È aperto da qualche giorno il bando finalizzato alla selezione di 20/25 giovani interessati a svolgere esperienze di volontariato nell’ambito dei progetti 2019 promossi dall'assessorato Politiche europee e Cooperazione internazionale del Comune.

“Cerchiamo ragazze e ragazzi che proseguano il progetto inaugurato lo scorso anno – afferma Ouidad Bakkali, assessora alle Politiche europee - e che si mettano in gioco in azioni di comunicazione, divulgazione e animazione riguardanti principalmente l’Unione europea e i diritti umani in un periodo storico in cui si rende necessario ribadire e promuovere valori di solidarietà e condivisione e tutti quei principi garantiti dalla Costituzione italiana e dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (CDFUE), che dovrebbero essere ormai dati per acquisiti e che invece stanno subendo attacchi e aggressioni anche feroci. In questo anno di memoria sulla caduta del muro di Berlino chiediamo ai nostri giovani di aiutarci a smontare i muri contemporanei che vogliono una Europa più divisa, un mondo più litigioso, le minoranze discriminate e la solidarietà tra i popoli criminalizzata".

I volontari che verranno selezionati opereranno nell’ambito di tre team di EuRoPe 2019: il primo è quello definito degli Ambasciatori della Cittadinanza Europea (ACE), che si occuperà della progettazione e conduzione di 10 laboratori di educazione alla cittadinanza europea, in particolare rivolti a ragazzi di età compresa tra i 10 e i 18 anni; il secondo relativo alla Redazione EuRoPe Narratori dell’Europa supporterà la progettazione e la gestione di una campagna di comunicazione web (social e radio) in logica di ponte iner-generazionale e produzione di docu-film sui muri d’Europa; il terzo relativo a Il mondo intorno - Laboratorio di diritti si occuperà di un percorso di educazione alla pace rivolto a ragazzi di età compresa tra i 10 e i 14 anni in ambito scolastico. Quest’ultimo è sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna e realizzato in partenariato con il Campus di Ravenna dell’Università di Bologna - Dipartimento di beni culturali, la Fondazione Flaminia e Amnesty International.

Possono partecipare le giovani e i giovani di ogni nazionalità tra i 18 e i 29 anni, che non abbiano in corso con il Comune di Ravenna e gli enti partners rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualsiasi titolo ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’ anno precedente di durata superiore a tre mesi; siano residenti o domiciliati, anche temporaneamente, nel territorio di Ravenna e provincia.

La selezione/chiamata dei candidati avverrà a seguito di verifica della documentazione inviata ed eventuale colloquio singolo o collettivo. La commissione procederà anche alla suddivisione nei tre team privilegiando una composizione multiculturale, multidisciplinare del singolo gruppo e una equa rappresentanza di genere.

La partecipazione al progetto verrà riconosciuta come credito formativo dal Dipartimento beni culturali dell’Università di Bologna per gli studenti del corso di laurea I-Contact e di altri corsi di laurea del Campus di Ravenna. Le attività si svolgeranno tra ottobre a dicembre e potrà essere data l’opportunità di proseguire la collaborazione durante il 2020 per iniziative analoghe di formazione, sensibilizzazione e comunicazione, co-progettate nell’ambito dei gruppi con i referenti di progetto.

La candidatura può essere presentata esclusivamente via mail a upe@comune.ra.it e pervenire entro e non oltre il 30 settembre 2019. Per ogni altra informazione e/o approfondimento link a https://bit.ly/2MDBrsy

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019