6 agosto 2019 - Ravenna, Economia & Lavoro

Cereali: 48.000 quintali di raccolto in più rispetto al 2018

Cooperative agricole braccianti Ravenna: il 2019 un’annata positiva

48.000 quintali di raccolto in più rispetto al 2018

La raccolta dei cereali a paglia per l’annata 2019 si chiude positivamente per le Cooperative Agricole Braccianti di Ravenna, dopo che quella dell’anno scorso era stata invece deludente: 240.000 quintali rispetto ai 192.000 del 2018.

Il risultato conferma la tendenza di crescita nel lungo periodo di quest’attività delle Cab, che si è cominciata a monitorare nel 1974.

Più bio

Un dato significativo riguarda un lieve incremento della superficie coltivata in regime di agricoltura biologica, che passa dai 525 ettari del 2018 (14% del totale) ai 576 ettari, oltre il 15 per cento del totale.

La nota dolente riguarda ancora una volta i prezzi, che non sono incoraggianti: per recuperare almeno i costi la speranza è che possano migliorare le quotazioni.

Nel frattempo occorre che la UE contrasti la concorrenza sleale internazionale e armonizzi i mercati interni.

Qualche dato...

In generale, rispetto al 2018 la produzione totale è aumentata di 48mila quintali, un incremento che è pari al 25 per cento. Per quanto riguarda l’utilizzo delle superfici, 3.720 ettari sono stati coltivati a cereali da paglia: 1.805 a grano tenero, 1.350 a grano duro, 521 a orzo e per la restante parte a cereali minori. Questo risultato è stato raggiunto nonostante le difficili condizioni meteorologiche: una piovosità eccessiva con ristagni idrici e abbassamenti termici ha influito negativamente sull’allegagione, mentre i temporali, anche con grandine e vento, dove hanno colpito hanno provocato il piegamento a terra delle piante.

Per il frumento tenero in produzione integrata la media ottenuta è di 69 quintali all’ettaro, mentre quella in biologico, nonostante sia leggermente inferiore, si conferma importante con circa 65 quintali per ettaro.

Stesso andamento positivo anche per il frumento duro con una produzione media in modalità integrata pari a 60 quintali e in biologico pari a circa 45 quintali per ettaro.

Note molto positive per l'orzo, che ha ottenuto produzioni inedite: la media in modalità integrata è pari a 80 quintali e per il biologico a 61 quintali per ettaro.

Tutte le produzioni sono di ottima qualità, sia nella produzione integrata che in biologico e i parametri qualitativi sono risultati buoni, così come le caratteristiche panificatorie e pastificatorie; stessa cosa vale per gli aspetti sanitari, con l’assenza di micotossine.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.