23 agosto 2019 - Ravenna, Cronaca, Politica

Donati (LpR) denuncia: “Minacciose scorrerie ladresche nel borgo San Biagio”

Interviene per denunciare alcuni furti e una situazione di scarsa sicurezza nel borgo San Biagio, Stefano Donati, capogruppo di Lista per Ravenna nel Consiglio territoriale Centro Urbano: “Siamo nella parte nord del borgo, in pieno Centro Urbano, esattamente nella zona della scuola elementare Camerani incentrata sulle vie, tra loro strettamente collegate, Felisatti, Bargigia, e Lovatelli e sulla Federico Fabbri breve strada a fondo chiuso che da questa si dirama. Da due mesi e mezzo, un gruppo di abitanti del posto segnala con preoccupazione problemi seri di sicurezza in orario notturno, finora non fronteggiati dall’amministrazione comunale. Episodi gravi, descritti dettagliatamente anche negli aspetti minacciosi per i residenti, sono avvenuti il 29 luglio alle 23.30 nel buio stradello pedonale che, partendo dalla via Bargigia, costeggia la scuola Camerani e il 3 agosto, tra le 2 e le 3.30, all’interno di una casa di via Felisatti provvisoriamente non abitata. Ma altri numerosi se ne sono verificati, tutti a scopo di furto, da parte di malintenzionati che penetrano nelle case dopo aver scassato porte o finestre, finanche spaccandole con asce. Dopo le 21.00 non è consigliabile uscire di casa, specie per le persone anziane o deboli, a causa della frequente presenza su strada di alcuni giovani, in apparenza probabili consumatori di stupefacenti, alcuno verosimilmente noto ai servizi”.

Le richieste

Donati sottolinea come: “Questi fatti rendono necessario in zona, da parte delle forze dell’ordine, un pattugliamento non occasionale. Nello specifico si segnala come Lista per Ravenna abbia presentato, da oltre sei mesi, in Consiglio comunale un ordine del giorno ancora in attesa di essere discusso, contenente la proposta di un immediato prolungamento del turno notturno della polizia municipale dall’1.00 alle 2.00. Abbiamo però richiesto più volte che, entro il 2019, i turni coprano anche tutta la notte, considerato che il Corpo della nostra polizia locale è stato potenziato, nel giro di un anno, con una cinquantina di nuovi agenti e ispettori”.

“Strategica però – aggiunge il consigliere territoriale –, per favorire le incursioni banditesche, nonché operazioni di spaccio, è la pessima illuminazione notturna dello stradello pedonale e ciclabile a servizio della scuola Camerani, ubicato tra le vie Bargigia e Fabbri. Su richiesta di Lista per Ravenna, ad opera di Alessandro Garofalo, nostro consigliere territoriale, esso venne opportunamente rifatto nell’estate 2010, asfaltandolo e dotandolo di fogne per l’acqua piovana. Pur già provvisto di cavidotti e pozzetti per accogliere i cavi elettrici ed i pali dell’illuminazione pubblica, il Comune non ha mai installato i tre lampioni mancanti, nonostante Garofalo stesso, a seguito anche di episodi con spaccio di droga, li abbia sollecitati il 29 ottobre 2015 (vedi il testo allegato, con foto). Da qui passano i residenti e i bambini che si recano a scuola, ma anche gli atleti delle società sportive che frequentano la palestra della scuola sino alle 23,00. La sicurezza dei cittadini attende dunque inutilmente da nove anni che si faccia luce su questo stradello”.

L’istanza

“Rivolgo perciò al presidente del Consiglio Territoriale in indirizzo la presente istanza – conclude Donati –, affinché, a norma dell’art. 45 del regolamento di tali Consigli, consulti formalmente gli uffici e/o gli organi dell’Amministrazione comunale aventi competenza sulla Polizia municipale e sull’area delle Infrastrutture civili comprendente il servizio Strade e l’ufficio Illuminazione pubblica, allo scopo di verificarne la disponibilità ad effettuare tempestivamente gli interventi di cui sopra loro spettanti, riferendone l’esito al nostro Consiglio, e comunque al sottoscritto”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019