23 agosto 2019 - Ravenna, Cronaca, Politica

Ancisi accusa: “Immigrato delinque in assistenza umanitaria, si avvii la procedura per il rimpatrio”

Alvaro Ancisi torna all’attacco dell’Amministrazione di Ravenna, questa volta sul tema dell’assistenza. Il leader di Lista per Ravenna ha deciso di approfondire un fatto di cronaca avvenuto alla vigilia di Ferragosto, quando “un ventenne di colore, originario del Gambia, Dawda Ceesay, è stato arrestato a Marina di Ravenna dai carabinieri della locale caserma, in uno stradello pinetale vicino alla Duna degli Orsi, in possesso di 30,5 grammi di marijuana contenuti in quattro involucri di cellophane. Gli sono stati sequestrati anche uno spinello di tabacco/marijuana e 130 euro in banconote di vario taglio, corrispondenti a quanto appena sborsato dai suoi clienti. Era stato sorpreso mentre operava in zona verosimilmente come fornitore di droga al dettaglio per giovani in vacanza o in transito al mare. Si è letto anche che i carabinieri gli hanno sequestrato, nella sua abitazione, altri 30 grammi di marijuana e un bilancino”.

“Venerdì 16 agosto – spiega Ancisi –, in Tribunale, ha patteggiato 1.200 euro di multa che non pagherà e 8 mesi di carcere con pena sospesa. Tanto che due giorni dopo, tornando presumibilmente al lavoro in quel di Marina di Ravenna, ha avuto modo di farsi nuovamente denunciare dai carabinieri a piede libero, sull’autobus della linea 70, per interruzione di pubblico servizio. Insieme a lui sono stati denunciati altri quattro africani tra i 19 e i 23 anni, che, a causa di una furibonda lite, hanno obbligato l’autista a fermare la corsa, chiamando ad intervenire i militari della vicina caserma di Marina. Quelli di ferragosto. Fin qui, quanto la cittadinanza ha potuto conoscere”.

L’approfondimento

“Età e provenienza del soggetto mi hanno però consigliato – precisa il capogruppo di LpR in Consiglio comunale –, in veste pubblica di amministratore comunale, di vederci più chiaro. Pur senza entrare nei dettagli, posso dunque dire che Dawda Ceesay è un richiedente asilo che gode di accoglienza umanitaria appaltata ad una cooperativa sociale. Di conseguenza, è in possesso di un permesso di soggiorno biennale, avendo finora beneficiato di vitto, alloggio, vestiario, smartphone e assistenza varia finanziati con denaro pubblico. È domiciliato in un bello e spazioso appartamento della città, dove vive in comunità con altri tre giovani stranieri richiedenti asilo. Tutti dunque senza problemi di sostentamento”.

Le considerazioni politiche

Nella nota diffusa alla stampa, Ancisi aggiunge poi alcune considerazioni politiche di ordine locale. “Sono troppi i casi – spiega –, anche solo quelli posti in evidenza dal sottoscritto, in cui gli extracomunitari richiedenti asilo, dimostrando di non avere alcuna volontà di integrarsi correttamente nella comunità locale, né di rispettare almeno la legge, vengono scoperti solo dalle forze dell’ordine quando delinquono. Per il calcolo delle probabilità, altri numerosi restano al coperto”.

“Inesistenti appaiono i controlli preventivi – prosegue il leader di LpR –, che non dovrebbero mai mancare quando si spende denaro pubblico. Tale opera di vigilanza è in capo alle imprese, in genere cooperative sociali, che gestiscono in appalto l’accoglienza umanitaria nelle strutture abitative messe da loro a disposizione. Se latitante, dovrebbero renderne conto all’ente pubblico appaltante”.

“Quando qualcuno viene scoperto dalle forze dell’ordine – sottolinea infine Ancisi –, eventuali e mai divulgati provvedimenti di uscita dall’accoglienza umanitaria sono limitati alla persona stessa. Non vengono chiamati a risponderne i conviventi nello stesso alloggio, quando appare evidente che fossero quanto meno a conoscenza delle sue attività illecite, senza averlo fatto presente a chi di dovere. Si può vivere a contatto di gomito e dormire in stanza con altri, senza accorgersi di “strani” bilancini, pacchetti cellophanati, frequentazioni, compere, stili di vita, disponibilità di denaro, ecc.? Alle 23.00 non si deve essere tutti a casa? Non è dunque tempo di un giro di vite, chiamando in causa per omessa vigilanza anche i gestori degli appalti ‘umanitari’?”

Le richieste

La nota si chiude quindi con delle richieste all’Amministrazione, che Ancisi illustra: “Il permesso di soggiorno di Dawda Ceesay scade, a quanto ho saputo, a fine mese. Non deve essere prorogato, avviando da subito la procedura del rimpatrio”.

Si chiede inoltre di “verificare le corresponsabilità o connivenze dei tre che convivono nello stesso appartamento, provvedendo di conseguenza. Chiedere ragione del rispetto dei propri doveri di vigilanza alla cooperativa sociale appaltatrice del servizio. Dare sempre comunicazione pubblica di come si agisce perché questi casi siano puniti, almeno come ammonimento che a Ravenna l’accoglienza umanitaria si fa sul serio, altrimenti non lo è”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019