27 agosto 2019 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Cronaca

Ravenna è la provincia in Emilia-Romagna con meno “morti bianche”

Nel 2019 sono aumentati circa del 5,9% i morti sul lavoro in tutta la regione

Morti sul lavoro: “Numeri agghiaccianti”

Dall'inizio dell’anno   455 morti sui luoghi di lavoro in tutta Italia, da Nord a Sud, una triste conta che include i morti sulle strade e in itinere ed anche le persone schiacciate da mezzi meccanici, come il trattore.

Cifre pubblicate oggi  sul web dall’Osservatorio Indipendente di Bologna,  l’unico  in Italia a tenere in tempo reale  dal 1° gennaio 2008 questa dolorosa statistica.

“Numeri agghiaccianti  che non possono e non devono lasciare indifferenti” afferma il segretario generale regionale Emilia-Romagna dell’Ugl , Tullia Bevilacqua , che annuncia iniziative  per sensibilizzare opinione  pubblica e istituzioni contro questa annosa piaga.

In Emilia-Romagna, nel 2019, ben  25  “morti bianche”, il picco a Parma (6 decessi), poi  Piacenza e Bologna (4 ciascuna), Reggio Emilia (3),  Ferrara, Forlì - Cesena  e  Modena (a 2 l’uno) infine Rimini e Ravenna (1). 

Un  calcolo che non tiene conto dei decessi  in itinere e sulle strade ,  tutti gli anni più del doppio in ogni provincia. 

Tullia Bevilacqua (Foto E. Zanini)

La tendenza del 2019 è di un aumento generale  dei casi  del  5,9%.

Nel 2018 – anno record in negativo (+10%)  – si sono contati  702 morti sui luoghi di lavoro,  oltre 1450 se si includono anche  i morti sulle strade e in itinere.

Negli ultimi 11 anni  sono morti quasi 15.000 lavoratori,   come se fossero scomparsi nel nulla tutti gli abitanti di una cittadina emiliana come Sasso Marconi.

“Ma se contiamo anche gli infortuni sul lavoro – aggiunge Tullia Bevilacqua -  abbiamo  un quadro ancora più preoccupante: secondo dati Inail nei primi sei mesi del 2019 sono state 323.831 le denunce di infortunio presentate in tutta Italia e 32.575 i casi di malattia professionale accertata, in aumento nel Nord Est.   Il rischio di morte coinvolge soprattutto uomini over 54 e si contano  percentuali in crescita anche tra stranieri e giovani. E’ una piaga che si deve risolvere una volta e per tutte”: commenta Tullia Bevilacqua.

Il tema è al centro dell’azione sindacale regionale e nazionale del sindacato confederale Ugl – che negli ultimi anni ha dedicato la ricorrenza del 1° maggio proprio ai caduti sul lavoro - propone incentivi e misure che accrescano la prevenzione degli infortuni, la creazione di un giusto equilibrio normativo del Testo Unico con la semplificazione degli oneri burocratici e formali a carico delle piccole e micro aziende, nel connubio con le garanzie di sicurezza nei luoghi di lavoro e la formazione continua dei dipendenti ,  all’interno di un quadro ispettivo e  sanzionatorio certo e rafforzato da adeguate risorse statali.

E in Emilia-Romagna, il segretario generale regionale dell’Ugl , Tullia Bevilacqua , chiede agli organismi competenti  che si adottino maggiori e più efficaci controlli e ci si adoperi nelle sedi preposte a promuovere con ogni mezzo la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro per arginare e possibilmente azzerare questa dolorosa piaga sociale e professionale.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019